Napoli, ritorna il grande tennis, al via il 4 aprile il “Trofeo Capri Watch”

Prenderà il via sabato 4 aprile, con il tabellone delle qualificazioni, il torneo internazionale di Napoli “Trofeo Capri Watch”, che si giocherà sui campi del Tennis Club Napoli in Villa Comunale

trofeo_capri_watchRitorna il torneo internazionale di tennis di Napoli, denominato “Trofeo Capri Watch”, dal nome dell’azienda leader nella produzione di orologi artigianali che quest’anno è sponsor. Il torneo, si giocherà sui campi del Tennis Club Napoli in Villa Comunale, dal 4 al 12 aprile.

Diversi e importanti saranno i tennisti stranieri e italiani presenti. Ci sarà il campione Kazako Andrey Golubev, il 24enne sloveno Blaz Rola e il 23enne serbo Filip Krajinovic, oltre al 22enne spagnolo semifinalista nel 2014 dell’Atp di Casablanca Roberto Carballés Baena e al 23enne ungherese Marton Fucsovics, vincitore di Wimbledon juniores nel 2010. Tra i tennisti italiani, saranno presenti l’avellinese Potito Starace e il 22enne palermitano Marco Cecchinato. I nomi di tutti i partecipanti, verranno annunciati nella conferenza stampa prevista per venerdì 27 marzo. L’entità del montepremi è di 125.000 dollari (più ospitalità).

L’ATP Challenge tour, per molti tennisti rappresenta e in effetti è, una rampa di lancio importante per futuri campioni. Attraverso il circuito Atp, negli anni si sono fatti conoscere al grande pubblico giocatori del calibro di Ferrero, Gasquet, Safin, Ferrer, Mantilla e Gulbis.

Al torneo di Napoli, si potrà assistere gratuitamente agli incontri che si terranno durante i primi giorni, mentre saranno a pagamento le fasi finali per le quali sarà possibile comprare i biglietti a partire dal 4 aprile. Inoltre, tutti coloro che decideranno di acquistare un ticket di 5 euro, potranno partecipare al sorteggio per aggiudicarsi la racchetta che Roger Federer, ha utilizzato al torneo di Wimbledon 2014. La stessa, riporta sul manico le iniziali autografe del campione svizzero. Il ricavato dei biglietti sarà donato alla fondazione Alessandro Pavesi per aiutare nello studio i ragazzi del Rione Sanità di Napoli.

Lascia un commento