Ritorna l’ora legale. Questa notte la lancetta si sposta in avanti di un’ora

Nella notte tra sabato 28 marzo e domenica 29 marzo torna in vigore l’ora legale, le lancette si sposteranno un’ora avanti, il che si tradurrà in un ora in meno di riposo per domani ma tanta più luce da vivere all’aria aperta

ora-legaleIl cambio dell’ora legale può comportare delle ripercussioni sull’organismo, come uno stato d’ansia e di stress dovuto alla mancanza di sonno. Difatti chi soffre di disturbi del sonno, ansia, chi ha dei ritmi di vita molto frenetici tende a vivere il cambio d’ora legale con maggiore fatica ed avrà bisogno di qualche giorno per abituare il proprio organismo al cambiamento di orario.

Un vantaggio sostanziale: più ore di luce consentiranno di affrontare i vari impegni quotidiani con minore fatica il che comporterà di sicuro ripercussioni positive sul proprio morale. Senza trascurare l’obiettivo di un risparmio dei consumi energetici. Lo scorso anno, l’ora legale ha fatto risparmiare agli italiani 91 milioni di euro, con un taglio complessivo di 549,7 milioni di kilowattora, pari al consumo medio annuo di 205 mila famiglie.

L’ora legale rimarrà in vigore fino alle 03:00 del 25 ottobre, quando si dovranno spostare nuovamente le lancette dell’orologio indietro di un’ora.

Lascia un commento

quattordici − 10 =