Qualificazioni Euro 2016: Bulgaria-Italia finisce 2-2, un pari che scontenta tutti

Al Natsionalen Stadio Vasil Levski, l’Italia passa in vantaggio grazie ad un’autorete di Minev, salvo poi farsi rimontare da Popov e passare in svantaggio dopo il gol di Micanski. Nella ripresa Eder ristabilisce la parità e e gli uomini di Conte restano imbattuti

Antonio ConteBULGARIA (4-2-3-1): Mihaylov; Bodurov, Y. Minev, Manolev, A. Aleksandrov; Alexandrov, Gadzhev; Milanov (87’ Vasilev), Popov (84’ Slavchev), Dyakov; Micanski (73’ Bojinov). All. Ivaylo Petev

ITALIA (3-5-2): Sirigu; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Darmian, Candreva, Verratti, Bertolacci (71’ Soriano), Antonelli (76’ Gabbiadini); Zaza (57’ Eder), Immobile. All. Antonio Conte

MARCATORI: 3′ aut. Minev, 11′ Popov, 17′ Micanski, 83’ Eder

ARBITRO: Damir Skomina (Svn)

Tra Bulgaria e Italia finisce 2-2: Un risultato che scontenta entrambe le nazionali. Infatti, nel girone H la Bulgaria è quarta a 5 punti mentre ancora peggio è per l’Italia, che passa dal primo al secondo posto con 11 punti dietro la Croazia a 13. Ma il risultato di partità, maturato a Sofia nel finale grazie ad un gol di Eder, permette a Conte e i suoi di mantenere almeno l’imbattibilità. Oltre a poter allungare di un punto il vantaggio sulla Novergia ferma a 9 punti, dopo aver perso per 5-1 contro la Croazia. Al momento, nessuno sembra in grado di rubare alll’Italia il secondo posto e con una convizione migliore, gli azzurri hanno tutte le carte in regola per rinconquistare il primo.

L’Italia, nel primo tempo parte subito forte e sfiora il vantaggio dopo pochi secondi dall’inizio della gara con Ciro Immobile. Ma gli azzurri non si arrendono e passano in vantaggio al 3′ minuto con un’autorete di Minev, che illude. Infatti, i bulgari con il passare dei minuti crescono e ai limiti tecnici, riescono a contrapporre un forte spirito di squadra. All’11’ minuto, la retroguardia prestata dalla Juve alla nazionale va in affanno, concedendo troppo spazio a Popov, che non ha problemi a infilare palla nell’angolino a sinistra di Sirigu. Stessa cosa al 16′, quando l’Italia subisce il secondo gol per mano di Micanski, al termine di una grande azione in attacco della Bulgaria. La nazionale italiana, va a riposo in svantaggio per 2-1.

Nella ripresa, Conte al 58′ butta dentro Eder al posto di Zaza. Ci prova Verratti a ristabilire la parità, ma senza riuscirci. Il ct capisce che evidentemente, c’è bisogno di dare uno scossone alla gara e fa entrare anche Soriano e Gabbiadini per l’assalto finale. All’83’ segna proprio il debuttante Eder, che fa partire un tiro a giro dalla trequarti su cui Mihaylov non può nulla. La Bulgaria, nel frattempo si è chiusa in difesa e non riesce più a uscire. L’Italia capisce che può vincerla e ha un’occasione ghiotta con Gabbiadini, ma fallisce clamorosamente. Peccato.

Lascia un commento

19 + 18 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.