Napoli: crolla muro di contenimento, investito un palazzo e si sfiora la strage

Molte persone sono rimaste intrappolate all’interno dei propri appartamenti a causa della frana che ha raggiunto le scale e l’androne del palazzo. Non ci sono feriti ma si è sfiorata la strage

Crollo PosillipoNapoli, 31 marzo – La collina di Posillipo, uno dei posti più belli di Napoli, poteva trasformarsi in un tragico scenario. Un muro di contenimento è crollato su un palazzo di 7 piani in cui vivevano circa 50 persone molte delle quali sono rimaste intrappolate all’interno delle proprie abitazioni. Sul posto sono intervenute 3 squadre dei vigili del fuoco contattati da molti residenti della zona.

La zona è quella delle Rampe di Sant’Antonio, civico 23. La valanga di detriti ha raggiunto il secondo e il terzo piano dell’edificio riversandosi, dall’esterno, nel vano scale dove, in quel momento, si trovavano alcune persone. La frana, ampia circa un centinaio di metri, ha provocato il crollo della parte retrostante del palazzo, ora completamente inagibile.

I vigili del fuoco hanno provveduto a sgomberare il palazzo per una fuga di gas che si è sprigionata improvvisamente dall’edificio. Gli sfollati, tra cui molti anziani e bambini, sono stati liberati dagli appartamenti in cui erano rimasti bloccati, a causa del crollo, con un autoscala. Fortunatamente non ci sono feriti ma si è sfiorata la strage.

Sul posto sono intervenute anche la Polizia di Stato e la Polizia Municipale. I vigili del fuoco stanno mettendo l’edificio in sicurezza; solo nelle prossime ore saranno avviate le verifiche tecniche sull’agibilità del palazzo.

FOTO: tratta da il mattino.it

Lascia un commento