Lavoratori delle Province in piazza l’11 aprile per dire NO alla politica della disoccupazione

Gli impiegati delle province scenderanno in piazza, a Roma, decisi a reclamare le proprie necessità e i propri diritti. Numerose sono state le proteste già avutesi a Venezia e a Pistoia in cui si sono cercati punti di accordo con il governo

cisl napoliLa Cisl Fp, all’avvicinarsi della protesta dell’11 aprile, muove le sue critiche contro il governo e le regioni, affermando che ci ritroviamo di fronte al governo della disoccupazione, e non dinanzi al governo delle riforme. Non vi è alcuna garanzia per i precari, sovrannumeri senza progetto di ricollocamento, salari accessori a rischio e pensionamenti senza copertura.

Il sindacato sostiene che vige ormai il caos e il riordino è lasciato alla mercé delle circolari interpretative del ministero della funzione pubblica; d’altronde ribadisce di non essere contro le riforme, bensì contro la politica della disoccupazione, di cui il governo è il principale responsabile, infatti si impone con i lavoratori mandando a casa ben 2  mila precari e lasciando nell’incertezza 52 mila dipendenti, ma cede alle resistenze politiche ed istituzionali, una serie di trucchi e trabocchetti a danno dei lavoratori.

Lascia un commento

9 − otto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.