Successo del Napoli al San Paolo, battuta la Fiorentina 3-0 gli azzurri scavalcano i viola in classifica

I partenopei ritrovano la vittoria casalinga che mancava dal 23 febbraio scorso quando si imposero per 2-0 sul Sassuolo. La squadra dimostra impegno e risponde coi fatti alle critiche velate della dirigenza

Napoli FiorentinaNAPOLI (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Koulibaly, Strinic; D. Lopez, Gargano; Callejon, Gabbiadini (18’ st Hamsik), Mertens (36’ st Zuniga); Higuain (30’ st Insigne). All.Benitez

FIORENTINA (4-3-2-1): Neto, Richards, Savic, Basanta, Pasqual; Badelj (24’ st Pizarro), Kurtic, Borja Valero; Vargas (12’ st Joaquin), Ilicic (1’ st Mario Gomez), Salah. All.: Montella

MARCATORI: 23’ Mertens, 26’ st Hamsik, 43’ st Callejon

ARBITRO: Damato

Il Napoli batte al San Paolo 3-0 la Fiorentina e potrebbe essere questa la giornata che segna la fine della crisi azzurra. Ci voleva uno scossone e De Laurentiis, dopo l’eliminazione per mano della Lazio nella semifinale di ritorno di Coppa Italia, era tornato a farsi sentire e aveva ordinato il ritiro alla squadra. Non una punizione come spiegato dal presidente del Napoli ma un modo per tenere lontano da “distrazioni” i suoi giocatori. Di fatto però anche una punizione, checché ne dica Don Aurelio, che si attendeva una risposta immediata da questi ultimi. E questa, in effetti c’è stata. Contro i viola non era facile, quindi la vittoria del Napoli può far ben sperare tifosi e società in un finale di stagione tranquillo. Il rilancio azzurro potrebbe passare per questa vittoria, che fa registrare l’aggancio al quarto posto e dà morale ad una squadra che ne aveva assoluto bisogno.

Durante i primi venti minuti di gioco poche le emozioni in mezzo al campo ma la gara è comunque vivace e con tanti cambi di fronte. Al 23′ ci pensa Mertens a sbloccare il risultato con un tiro a giro che non lascia scampo a Neto. Si vede la voglia di rivincita del Napoli e la maggior propensione degli attaccanti azzurri a sacrificarsi anche in fase di copertura. Al 34′ missile da fuori area di Higuain, con la palla che prima sbatte sulla traversa e poi entra dentro. L’arbitro addizionale di porta non se ne accorge e pertanto il gol non viene assegnato: fuorioso il Pipita. I partenopei non si disperano e continuano a cercare con insistenza il raddoppio, che non arriva. Si va a riposo sul risultato di 1-0.

Nella ripresa, il Napoli va vicino al gol all’8 minuto con Gabbiadini mentre Higuain al 20′ non approfitta di un errore di Savic e rimasto solo davanti al portiere sceglie di non calciare in porta, sprecando l’occasione del possibile raddoppio e graziando i viola. Raddoppio che arriva al 25′ quando Callejon inventa per Hamsik, con lo slovacco che non si fa scappare l’occasione e infila Neto. La Fiorentina subisce il contraccolpo psicologico e non riesce più a giocare con lucidità e convinzione: ormai è solo Napoli. Callejon pescato solo da Insigne, sigla il terzo gol dei partenopei al 42′ minuto e ritrova il gol, che in campionato gli mancava dal mese di gennaio. Finisce 3-0 per il Napoli ed è un risultato importante oltre che meritato, dopo le polemiche dei giorni scorsi sull’impegno della squadra.

FOTO: AFP

Lascia un commento