Europa League: semifinale vicina per il Napoli che travolge i tedeschi del Wolfsburg

Al Wolkswagen-Arena finisce 4-1 per gli azzurri grazie ai gol di Higuain, Hamsik (doppietta) e Gabbiadini. Discorso qualificazione quasi chiuso

HamsikWOLFSBURG (4-2-3-1): Diego Benaglio; Vieirinha, Naldo, Robin Knoche, Ricardo Rodriguez; Josuha Guilavogui (70’ Arnold), Luiz Gustavo; Daniel Caligiuri, Kevin De Bruyne, André Schürrle (64’ Perisic); Bas Dost (57’ Bendtner). All. Hecking

NAPOLI (4-2-3-1): Mariano Andújar; Miguel Britos, Christian Maggio, Faouzi Ghoulam, Raúl Albiol; Dries Mertens (60’ Insigne), Marek Hamšík (75’ Gabbiadini), David López, Gökhan Inler, José Callejón; Gonzalo Higuaín (86’ Henrique). All.Benitez

MARCATORI: 15’ Higuain, 23’ e 64’ Hamsik, 76’ Gabbiadini, 80’ Bendtner

ARBITRO: Antonio Mateu Lahoz (Spagna)

Signore e signori il Napoli è tornato. In pochi avrebbero scommesso in un risultato come questo contro il Wolfsburg, descritto dai più come una corazzata ma discioltosi in realtà come neve al sole. Al Wolkswagen-Arena, la gara d’andata dei quarti di finale finisce 4-1 per i partenopei. Merito dei top player azzurri certo, ma non solo. Successo di tutta la squadra, che disputando sin dal primo minuto una gara attenta dal punto di vista difensivo e sfruttando la velocità, oltre alla tecnica dei suoi interpreti migliori, è riuscita a far male alla compagine tedesca di Hecking.

Il Napoli torna a giocare un quarto di finale di Europa League dopo ventisei anni e lo fa alla grande, anche alla luce del fatto che durante la sua storia non aveva mai vinto in Germania. Ora la semifinale di Europa League è più vicina, praticamente in tasca. Benitez e la squadra, che molto probabilmente non sarà più in ritiro da domani, potranno così affrontare la prossima gara di campionato e il ritorno dei quarti con più serenità.

I padroni di casa partono bene e cercano di mettere in difficoltà gli azzurri, adottando un pressing molto alto ma esponendosi, per questo, ad eventuali contropiedi. Proprio su azione di contropiede arriva il primo gol del Napoli: Al 14′ Hamsik allarga per Mertens, che rientra e lancia per Higuain, che solo davanti a Benaglio non sbaglia.

Il Wolfsburg accusa il colpo e si apre. Il Napoli ne approfitta e al 23′ Maggio trova Higuain, che riesce a servire Hamsik con un grande assist. Lo slovacco, solo davanti la porta non sbaglia e per i partenopei è 2-0. La pressione dei padroni di casa è sterile e gli azzurri riescono a mantenere il vantaggio senza troppi affanni.

Nella ripresa, il Napoli gioca solo di rimessa e riesce a trovare molti spazi per colpire nuovamente i tedeschi. Al 64′ terzo gol degli ospiti, con Callejon che ruba palla a metà campo e serve Hamsik, che anche questa volta non sbaglia. Il Wolfsburg poco più tardi, si rende pericoloso con Guilavogui ma Andujar è autore di un intervento super ed evita il gol. La quarta rete dei partenopei arriva al 76′, con Insigne che vede e serve Gabbiadini appostato sul secondo palo. Quest’ultimo la colpisce di testa ed è gol.

All’80’ una leggerezza difensiva costa cara alla formazione di Benitez, che stavolta subisce azione di contropiede. Protagonista è Perisic che va sul fondo mettendo nel mezzo per il tutto solo Bendtner, che da lì non può sbagliare e mette a segno il gol della bandiera. Il Napoli, nonostante il gol subito può gioire ed è con un piede e mezzo in semifinale.

Lascia un commento