540 migranti sbarcano a Salerno

Somali ed Eritrei recuperati da due barconi in avaria al largo di Lampedusa. I migranti dopo i primi soccorsi saranno trasferiti nei centri di accoglienza. Intanto il Parlamento approva la risoluzione del governo in vista del Consiglio europeo straordinario di domani

migrantiSalerno, 22 aprile – Scalzi e denutriti, nei loro occhi traspare la stanchezza per quel viaggio interminabile che hanno affrontato in condizioni disumane e in cui hanno rischiato di perdere la vita. Li chiamano viaggi della speranza ma spesso si trasformano in tragedia come quella accaduta domenica scorsa nel canale di Sicilia dove oltre 700 migranti sono annegati. Queste sono le condizioni in cui, oggi, sono arrivati i 540 profughi sbarcati al molo di Manfredi, a Salerno, con la nave della Marina militare italiana “Chimera”.

365 uomini, 174 donne e un minore, un bambino di pochi mesi, provenienti dalla Somalia e dall’Eritrea. Sono stati recuperati da due barconi in avaria a 150 miglia a Sud di Lampedusa, a largo di tripoli.  Ad accoglierli sul molo del porto di Salerno c’erano le forze dell’ordine, della protezione civile e i sanitari pronti a prestare i primi soccorsi.

La prima a scendere una giovane donna al nono mese di gravidanza. Con lei sono 3 o 4 le donne incinte che probabilmente rimarranno nel salernitano in attesa del parto. Per loro sono presenti una ginecologa e un’ostetrica. Sotto un tendone a parte sono stati sistemati un centinaio di profughi affetti da scabbia. I migranti saranno poi trasportati nei centri di accoglienza della Campania e di altre regioni italiane.

Intanto questa mattina il Parlamento ha approvato la risoluzione del governo in vista del Consiglio europeo straordinario di domani, chiesto dall’Italia dopo il naufragio di domenica scorsa nel canale di Sicilia scenario di un’ecatombe. Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha parlato prima alla Camera e poi al Senato illustrando la proposta italiana che riguarda anche le procedure d’asilo. Renzi infatti chiederà che quest’ultime siano gestite da un team europeo.

FOTO: tratta da ansa.it

Lascia un commento

due × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.