Patrimonio culturale in svendita, il caso del Teatro Trianon in una nota del Pd Napoli

Trianon verso la IV asta, Pd Napoli: “Emerge l’assenza di volontà dell’attuale giunta regionale di valorizzare i luoghi della cultura”

Trianon proteste“Uno dei nostri storici teatri continua a precipitare in quella che da più fronti è stata etichettata come l’ennesima “crisi partenopea”. Così Venanzio Carpentieri, segretario provinciale del Partito democratico metropolitano di Napoli e Luisa Pezone, responsabile cultura chiosano l’annunciata quarta asta per il teatro partenopeo sprofondato in una crisi di liquidità che ne sta decretando inesorabilmente la fine.

L’affondo degli esponenti dem è duro, e la nota così continua: “La vicenda che ha investito la sala di Forcella è niente altro che la conseguenza di scelte che evidenziano l’abbandono della cultura da parte della giunta regionale. È frutto della mancata erogazione del contributo straordinario annunciato mesi fa dalla Regione e di cui non si è mai vista traccia lasciando campo libero affinché si creassero le condizioni per far scattare la quarta asta.

A poche ore dalla probabile svendita ed alla vigilia delle elezioni regionali è quanto mai doverosa una riflessione sui lasciti della giunta uscente che ha lavorato demolendo quanto di buono avevano fatto le precedenti giunte di centrosinistra. Emerge, ancora una volta, purtroppo, la chiara assenza di volontà di valorizzare i nostri teatri, “colpevoli” di produrre conoscenza, formazione, sapere e che non andrebbero dismessi quasi come abiti usati, come vorrebbe fare la giunta attuale. Dismettiamo, allora, questa giunta foriera di reale improduttività e valorizziamo i nostri luoghi di cultura.”

Lascia un commento