Pietro Foglia a processo, la procura di Napoli chiede rinvio a giudizio

Il presidente del Consiglio regionale della Campania e candidato alle prossime regionali nella lista di Ncd, viene rinviato a giudizio nell’ambito dell’inchiesta sulla “rimborsopoli campana”

Pietro FogliaNell’ambito dell’inchiesta sulle presunte irregolarità nell’erogazione di rimborsi ai rappresentanti del Consiglio regionale della Campania, condotta dal pm Giancarlo Novelli e coordinata dal procuratore aggiunto Alfonso D’avino, la Procura di Napoli chiede per Pietro Foglia, presidente del Consiglio regionale e candidato alle prossime elezioni regionali in Campania nella lista Ncd, il rinvio a giudizio.

Foglia è accusato di peculato in concorso con il suo autista, in quanto le ricevute da lui depositate per giustificare l’acquisto di carburante presso un distributore della provincia di Avellino, sarebbero false (vai all’articolo). Altre ricevute presentate da Foglia riguarderebbero l’acquisto di quotidiani. Stralciato a quanto pare, il reato di falso materiale.

La richiesta di rinvio a giudizio, arriva proprio nelle ore in cui monta la polemica per la presenza nelle liste che concorrono alle elezioni regionali del 31 maggio di candidati “impresentabili” ma non pare intaccare la campagna elettorale di Ncd, in quanto Foglia riceve pieno appoggio dal sottosegretario Renato Schifani, che afferma: “Sarà la storia dei singoli a parlare, e poi si tratta di una richiesta di rinvio a giudizio, che si è già smontata. Sono certo che un giudice terzo saprà cogliere in questa vicenda l’insussistenza delle accuse”. Il diretto intessato invece, dichiara di essere pronto a “Mettere a disposizione della magistratura tutti gli elementi utili a stabilire la verità e la sua personale estraneità alle accuse che vengono ipotizzate” mentre attende che il giudice fissi la data dell’udienza preliminare.

Lascia un commento