Torna Improteatro Festival alla sua III^ edizione a Napoli, capitale dell’improvvisazione

Torna dal 26 giugno al 12 luglio Improteatro Festival, la kermess giunge al suo terzo appuntamento nella stagione estiva napoletana

improcrowfoundingAnche per l’estate 2015, Napoli, capitale del teatro, diventerà per circa un mese capitale dell’improvvisazione teatrale, accogliendo compagnie da tutta Italia, sui palcoscenici distribuiti in diverse location della città, per un grande evento all’insegna del teatro interattivo, dove pubblico e attori saranno impegnati insieme nella creazione di storie, azioni e scene rappresentate.

Dopo il successo di pubblico e critica delle precedenti edizioni, il progetto Improteatro Festival, promosso con passione e competenza dall’associazione napoletana Coffee Brecht (afferente alla rete nazionale Improteatro) desidera crescere, tornando alla ribalta con tante novità per la platea e portando a Napoli i migliori attori del genere, nuovi format e le compagnie che esprimono con maggiore creatività la poetica della scena improvvisata. L’intento è quello di rendere ancora una volta il pubblico protagonista della vicenda teatrale.

Negli spettacoli di improvvisazione, che hanno le loro nobili origini nella Commedia dell’Arte, tutto si costruisce sugli spunti di chi in genere siede passivo in platea e che invece diventa vero e proprio protagonista della scena, regalando pensieri creativi, sogni e idee di collaborazione.

Collaborazione diventa, in questa terza edizione, parola chiave: Coffee Brecht chiede infatti una mano più concreta al suo pubblico, dando vita ad un progetto di raccolta fondi. È stata lanciata, per la realizzazione di questa terza edizione del Festival, una campagna di crowfounding, progetto di finanziamento collettivo per lo sviluppo di un’idea culturale che ha cambiato totalmente il modo di pensare e percepire il teatro: il pubblico che agisce e si fa cooperatore della scena, da quest’anno, potrà farsi anche finanziatore e produttore.

L’arte in fondo nasce sempre da uno slancio di cuore. La speranza è che la passione di chi ha costruito il progetto del Festival di improvvisazione teatrale possa ora diventare contagiosa. I fondi raccolti saranno utilizzati per portare a Napoli i migliori artisti nazionali e internazionali, affinché possano nascere nuove idee, nuove storie, nuovi format che vadano a implementare il grande movimento dell’improvvisazione, vivo e operante in tutto il mondo, e diffondere ancora il senso e l’importanza di un’arte che si può fare solo solo insieme.

Lascia un commento

4 − 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.