Ottantenne di Eboli voleva uccidere la figlia, le spara con un fucile

La donna è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno. Il padre è accusato di tentato omicidio

carabinieri-eboliSalerno, 10 giugno — Una lite familiare sarebbe alla base del tentato omicidio da parte di un uomo, A. B. di 80 anni, nei confronti della propria figlia avvenuto la scorsa notte in via Serracapilli ad Eboli in provincia di Salerno. Il padre anziano si è scagliato con fredda determinazione nell’intento di uccidere contro la figlia F. B. di 53 anni.

Per motivi futili l’uomo ha tentato di ammazzare la figlia sparandole un colpo di fucile e ferendola alla testa. La donna è ora ricoverata all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno con prognosi riservata nella speranza che possa riprendersi sia dalle ferite che dallo shock emotivo di un gesto tanto efferato ed inaccettabile da parte del proprio genitore.

L’anziano padre è ora agli arresti ed accusato di tentato omicidio. Nell’appartamento sono giunti nella notte i Carabinieri del Nucleo operativo radiomobile della compagnia di Eboli per i primi rilievi ed accertamenti. Spetterà alla sezione Investigazioni scientifiche del Nucleo investigativo Carabinieri di Salerno ricostruire la dinamica dei fatti e capire quanto davvero sia accaduto nell’appartamento in cui una banale lite familiare si sia evoluta fino a far decidere un anziano che la figlia non meritasse più di vivere.

Lascia un commento

17 − quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.