Bagnoli, l’intesa politica si costruisce a cena: de Magistris e De Luca a casa Pasquino

Il sindaco: “Siamo d’accordo che la città di Napoli debba essere protagonista”

demagistris pasquino delucaIl primo faccia a faccia tra il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e il nuovo presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, è stato organizzato dal presidente del Consiglio comunale Raimondo Pasquino, che ha invitato entrambi a cena a casa sua.

Un incontro andato bene, definito dal primo cittadino piacevole e cordiale, durante il quale quest’ultimo avrebbe trovato un’intesa politica con il neogovernatore sul nodo Bagnoli. “Si è convenuto – riferisce de Magistris – che è impensabile ritenere che il rilancio di Bagnoli non veda protagonista la città di Napoli. Io, il presidente Pasquino e il neo presidente della Regione – continua – abbiamo condiviso l’esigenza che sia necessario trovare il modo affinché i protagonisti principali della nuova Bagnoli siano la città con il suo sindaco e l’amministrazione comunale, la Regione con il suo presidente e il Governo con i suoi rappresentanti. La responsabilità – conclude – ora è nel campo dell’esecutivo”.

Un’intesa, quella che su Bagnoli, che vede come principale protagonista Pasquino, il quale probabilmente avrà un ruolo di rilievo anche nel nuovo Consiglio regionale (qualcuno ipotizza come vicepresidente di De Luca) e viene giudicato da molti come la persona in grado di fare da collante tra i due, mettendo d’accordo personalità così diverse.

Lo stesso Pasquino, oltre ad essere colui che ha salvato De Magistris portandogli in dote i voti dei centristi e aiutandolo nella gestione di una maggioranza in bilico al Comune, è stato uno dei principali sponsor di De Luca nella campagna elettorale per le regionali e sostiene che: “Il voto alla regione avrà ricadute positive sul Comune di Napoli perchè la Regione prenderà a cuore i problemi di Napoli”. Si va profilando insomma, una svolta nei rapporti tra Comune e Regione, che potrebbe portare allo sblocco di alcune situazioni di stallo, a Bagnoli come in altre zone della città.

Lascia un commento