Elezioni 2015, al ballottaggio 78 comuni italiani, 14 in Campania

Si vota quest’oggi 14 giugno dalle ore 7 alle ore 23 (in Sicilia anche lunedì fino alle 15) in 78 comuni italiani. In provincia di Napoli sono chiamati al voto 10 comuni, 3 nel salernitano e 1 nel casertano. Occhi particolarmente puntati su Giugliano e Quarto

elezioni.comunaliDopo quindici giorni dal voto di regionali e amministrative, si torna a votare in quei comuni che non sono riusciti ad esprimere un candidato sindaco e sono dunque al ballottaggio. Si vota quest’oggi 14 giugno dalle ore 7 alle ore 23 (in Sicilia anche lunedì fino alle 15). Sull’intero territorio nazionale sono 78 i comuni chiamati al voto, di cui 12 capoluoghi (Lecco, Mantova, Rovigo, Venezia, Arezzo, Fermo, Macerata, Chieti, Trani, Matera, Nuoro, Enna).

In Campania sono chiamati al voto 14 comuni, di cui dieci in provincia di Napoli: Bacoli, Caivano, Casalnuovo, Casavatore, Frattamaggiore, Giugliano, Marigliano, Mugnano, Quarto e Terzigno. Nel salernitano al voto Angri, Cava de’ Tirreni ed Eboli. In provincia di Caserta, al voto c’è San Nicola la Strada.

Molto incerto appare l’esito a Bacoli, dove la sfida è tra il sindaco uscente Ermanno Schiano (di Forza Italia) con il 41.50% e il candidato della lista civica Freebacoli, Josi Gerardo Della Ragione, che il 31 maggio ha ottenuto il 36.20%. A Caivano, la scelta è tra il candidato del centrodestra Simone Monopolico (con il 46,67%) , e quello del centrosinistra Luigi Sirico, che al primo turno ha ottenuto il 35,01%. A Casalnuovo, si sfidano Antonio Peluso (Forza Italia) con il 48,6% e il candidato appoggiato da varie liste civiche Massimo Pelliccia (28,1% dei voti). A Casavatore, sfida tra Antonio Silvestri del Partito Democratico e Lorenza Orefice, candidata dell’Udc. A Frattamaggiore, i cittadini decideranno tra il candidato del centrosinistra Marco Antonio Del Prete con il 37.1% e Luigi Grimaldi sostenuto dalle liste civiche, con il 24,5%

Occhi particolarmente puntati su due comuni del napoletano (Giugliano e Quarto), reduci da un periodo di commissariamento per infiltrazioni mafiose. A Giugliano, non un capoluogo ma tra i comuni più popolosi della Campania, si sfidano Antonio Poziello e Luigi Guarino. Poziello, ha raccolto il 30% dei voti al primo turno ed è sostenuto da liste civiche e da Verdi, Psi ed Ncd. Sconfessato dal Partito Democratico dopo essere stato rinviato a giudizio per alcune accuse (tra cui l’associazione a delinquere), ha ottenuto il sostegno del neogovernatore della Campania Vincenzo De Luca. Lo sfidante Guarino (Forza Italia), il 31 maggio si è fermato al 23,5%. A Quarto, si sfidano Rosa Capuozzo del Movimento Cinque Stelle (40,4% al primo turno) e Gabriele Di Criscio, che sostenuto dalle liste “Forza Gabriele” e “Insieme per Quarto”, ha ottenuto al primo turno il 36,6%.

Lascia un commento