Alcol, fumo e cattiva alimentazione: le pessime abitudini degli adolescenti italiani

Da un’indagine condotta dalla Fondazione Italiana Ricerca in Epatologia (FIRE – Onlus) risulta sempre più rischioso lo stile di vita degli adolescenti nostrani, tra fumo, alcol e cattiva alimentazione

alcolNapoli, 16 luglio –  Secondo lo studio ‘Alcol e giovani’, che ha coinvolto 2.700 studenti della regione Lazio di età compresa tra i 14 ed i 19 anni, la salute degli adolescenti italiani è a rischio. Il progetto, realizzato dalla Fondazione Italiana Ricerca in Epatologia con il contributo della Fondazione Roma, ha individuato le cause del rischio nell’abuso di alcol, nella cattiva alimentazione e nel fumo.

“I dati emersi dallo studio danno un quadro ben preciso della situazione dei nostri adolescenti: lo stile di vita è ad alto rischio, cattiva alimentazione e tendenza a bere troppo e in maniera concentrata”, spiega Antonio Gasbarrini, professore di Gastroenterologia , ‘Università Cattolica del Sacro Cuore’ di Roma.  A preoccupare sono anche le abitudini alimentari e la scarse conoscenze nutrizionali: il 60% degli studenti coinvolti non è informato sulle quantità di cibo raccomandate nella dieta, non conosce i valori nutrizionali degli alimenti e tende al consumo di cibi ipercalorici, ignorando i benefici degli alimenti ricchi di fibra.

”E’ vero che sono ancora giovani, ma inculcare oggi nei nostri adolescenti un corretto stile di vita, è la sicurezza che domani non sia un calvario verso una vita di sofferenza e malattia”, conclude il professore.

Lascia un commento

tre × cinque =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.