Effetto Google, avere tutto a portata di click ci fa perdere la memoria

Ad interrogarsi sull’effetto Google e sulla tecnologia che ci rende poco brillanti è un’analisi sull’Independent, forte dei dati di alcuni studi in materia

memoriaTempi duri per la nostra memoria. Sicuri di poter contare sull’aiuto della tecnologia, dimentichiamo molto velocemente date, numeri di telefono e perfino i compleanni. E’ l’effetto Google, che moltiplica le informazioni e ci spinge ad archiviarle su un disco di memoria temporanea, che si resetta in poco tempo. Con un semplice click possiamo trovare tutto ciò che ci serve.

Secondo una ricerca del Kaspersky Lab, il 90% degli utenti di dispositivi tecnologici ammette di soffrire di amnesia digitale. Secondo Maria Wimber, dell’University of Birmingham, internet ha semplicemente cambiato il nostro modo di cercare e conservare le informazioni. Una conclusione simile a quella di Betsy Sparrow della Columbia University: “La nostra mente ricorre a internet in modo molto simile a quello con cui ricorriamo alla memoria di un amico, un familiare o un collega”. Quindi non memorizziamo come un tempo, ma ricordiamo dove l’informazione può essere trovata. La questione riguarda anche le immagini; stando ad uno studio della Fairfield University, fare fotografie riduce sensibilmente il ricordo di ciò che abbiamo visto. Ad esempio, si è notato che dopo una visita al museo, chi aveva fatto foto ricordava meno oggetti e meno dettagli di chi si era limitato ad osservare. Allora la domanda è legittima: la tecnologia digitale è una risorsa o ci rende smemorati?

Le risposte sono differenti. Secondo l’antropologa Genevieve Bell, la tecnologia ci aiuta a vivere in modo più intelligente; mentre  Andrew Keen, autore di ‘The Internet is Not the Answer’, afferma che si è perso l’allenamento ed il rigore mentale.  “Le menti sono in qualche modo più flaccide”, avverte, un po’ come un muscolo poco allenato.

Un dibattito interessante, che diventa il dilemma dell’uomo moderno.

Lascia un commento

4 × uno =