Il boss del Vomero torna libero, il Riesame ha annullato la richiesta di custodia cautelare

I giudici del Riesame hanno accolto la richiesta degli avvocati difensori di Luigi Cimmino, boss del Vomero tornato in città con l’intento di riappropriarsi della zona collinare di Napoli, annullando l’ordinanza di custodia cautelare emessa al termine delle indagini della Dda partenopea. Il boss del Vomero torna libero dopo 11 giorni di carcere

luigi cimminoNapoli, 1 agosto – Torna libero, dopo 11 giorni di carcere, Luigi Cimmino, il boss del Vomero tornato in città con l’intento di riorganizzare il clan dopo gli anni trascorsi rinchiuso in prigione. Cosi ha deciso il Riesame (decima sezione) che ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare accogliendo la richiesta degli avvocati difensori, Giovanni Esposito Fariello e Guido De Maio.

Scarcerato anche il genero del boss, Pasquale Palma, sul cui capo pendeva l’accusa di aver partecipato all’organizzazione del gruppo criminale e alla suddivisione degli stipendi tra gli affiliati. Anche in questo caso i giudici del Riesame hanno accolto la richiesta della difesa, costituita sempre dagli avvocati Fariello e De Maio, annullando il provvedimento emesso al termine delle indagini condotte dalla Dda di Napoli.

Secondo la tesi avanzata dalla Procura partenopea, Cimmino era intenzionato a riappropriarsi del controllo del malaffare e delle estorsione tra il Vomero e l’Arenella, zona collinare del capoluogo campano. Ipotesi che ha preso corpo anche grazie alle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia e alle intercettazioni di sms e colloqui in carcere tra gli affiliati al clan vomerese. Secondo quanto raccontato da un pentito, Cimmino voleva mettere tutti in ginocchio nel quartiere.

Per contro i legali del boss hanno sostenuto che dalle indagini non sono emersi sufficienti elementi che consentissero di avvalorare l’ipotesi avanzata dalla Procura, puntando sull’insufficienza d’indizi. Tuttavia per conoscere le reali motivazioni che stanno alla base della scarcerazione di Luigi Cimmino bisognerà attendere il deposito delle motivazioni da parte del Riesame.

Lascia un commento

dodici + 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.