Turismo, per l’Italia estate da record e il Sud è meta preferita da italiani e stranieri

Il punto è stato fatto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, che ha emanato una nota stampa con i dati provenienti dalle associazioni di categoria

CetaraPer il settore turistico quella italiana è un’estate da record. E il Sud Italia, in particolare, è la meta preferita di visitatori italiani e stranieri. Lo fa sapere il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, che ha emanato una nota stampa sui flussi turistici dell’estate 2015. Dati provenienti dalle associazioni di categoria.

“Pur nelle diversità regionali, – è scritto nella nota Mibac – i dati mostrano un aumento delle presenze su tutto il territorio: gli italiani sono tornati a viaggiare (+8,6% fonte Federalberghi) e gli stranieri hanno aumentato i pernottamenti nelle strutture alberghiere (+2,5%) e extra alberghiere per una crescita di circa il 20 per cento del giro d’affari dell’economia turistica. Un aumento complessivo del settore stimata in +10% (Federturismo) che vede rafforzato il ruolo del mezzogiorno che resta la meta preferita degli italiani e che sta vivendo una forte crescita del turismo internazionale anche al di fuori delle tradizionali località d’arte e balneari. Il turismo balneare cresce in tutta Italia con le mete più importanti che hanno registrato un vero e proprio sold out nelle giornate a ridosso di ferragosto (osservatorio Trivago)”.

“Dopo molto tempo aumenta il turismo interno e continua a crescere quello internazionale”, ha commentato il titolare del Mibac Dario Franceschini. “Deve continuare – spiega – il lavoro sulla promozione e sul miglioramento delle strutture ricettive. I nuovi tax credit digitalizzazione e ristrutturazione strutture ricettive, la nuova governante dell’Enit vanno proprio in questa direzione. Il contributo che turismo e cultura possono dare alla crescita del paese e alla creazione di posti di lavoro – conclude – ha trovato nei primi dati di questa estate 2015 una grande conferma”.

Lascia un commento