Ubriaco contro mano in Tangenziale, il dj ha deciso di parlare

Aniello Mormile, autore della tragica corsa contromano sulla tangenziale di Napoli, sottoposto a due ore di interrogatorio, ha risposto alle numerose domande degli inquirenti ma i vuoti di memoria non consentono al dj di fornire dettagli utili a ricostruire cosa sia accaduto la notte dell’incidente. Intanto sbucano fuori spezzoni inediti dei filmati che riprendono l’istante in cui Mormile effettua la folle manovra

MormileNapoli, 25 agosto – Ieri, poco dopo mezzogiorno, nel corso di un interrogatorio durato circa due ore, Aniello Mormile, il dj autore della folle corsa contromano sulla tangenziale di Napoli che costò la vita a due persone, tra cui la sua giovane fidanzata, ha deciso di rompere il silenzio e rispondere alle domande degli inquirenti cercando di fare finalmente luce su ciò che è realmente accaduto la tragica notte dello scorso 25 luglio.

Cosa spinse Mormile ad effettuare un’inversione ad “U” immettendosi nel senso contrario di marcia a fari spenti? Cosa è successo tra la giovane coppia di fidanzati di ritorno da una serata in discoteca? Il dj era lucido o la sua mente era offuscata da un mix di alcool e sostanze stupefacenti?. Tutta una serie di domande che da circa un mese sono rimaste avvolte nel mistero a causa del rigoroso silenzio in cui è rimasto chiuso Aniello Mormille, in carcere con l’accusa di duplice omicidio volontario.

Domande a cui gli inquirenti stanno cercando di dare una risposta nell’ambito di una serrata indagine in corso senza sosta dal 25 luglio e coordinata dal procuratore aggiunto Nunzio Fragliasso e dal pm Salvatore Prisco. Nelle mani della Procura partenopea ci sono i video di quella notte, immagini scioccanti, visionate più volte al fine di individuare qualsiasi minimo particolare utile alle indagini.

Nelle ultime ore sono spuntati fuori alcuni spezzoni inediti di filmati che riprendono il preciso istante in cui Mormile effettua la pericolosissima manovra in tangenziale. Si tratta di immagini su cui si stanno particolarmente focalizzando gli agenti della polstrada e che potrebbero riservare qualche clamorosa sorpresa per quanto riguarda la ricostruzione dei fatti di questa assurda vicenda che per certi aspetti resta ancora incomprensibile.

Ieri mattina la svolta. Nel corso di un interrogatorio investigativo richiesto dalla Procura, Mormile, che fino a quel momento aveva deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere, ha deciso di parlare. Tante le domande a cui è stato sottoposto dagli inquirenti, stretto in un pressing asfissiante di circa due ore, e molte sono state le risposte fornite dal dj ma sono ancora troppi i vuoti di memoria legati sopratutto ai momenti più drammatici della vicenda.

Infatti Aniello Mormile, difeso dagli avvocati Gaetano Porto e Gaetano Baccari, ricorda gran parte della serata trascorsa in discoteca. Una nottata caratterizzata dalla musica assordante mixata dallo stesso dj mentre beveva birra e super alcolici, prima di mettersi alla guida della sua Clio che ha provocato il terribile incidente all’altezza dello svincolo di Agnano fatale alla sua giovane fidanzata Lidia Barbato, di 22 anni, con la passione per la fotografia, in auto con lui, e ad Aniello Miranda, 48enne agente di commercio di Torre del Greco che si stava recando al lavoro.

Buchi neri e silenzi avvolgono ancora nel mistero cosa sia successo dopo la notte in discoteca. Vuoti di memoria che i legali di Mormile sperano di riuscire a colmare col passare del tempo; in tal caso non esiteranno a richiedere un nuovo interrogatorio. I difensori del dj, ritenuto unico responsabile di un duplice omicidio volontario, sono infatti impegnati nel cercare di fornire una ricostruzione obiettiva della tragica e folle corsa in tangenziale.

Intanto si attendono i risultati degli esami tossicologici che consentiranno di stabilire se  il dj quella notte aveva assunto o meno sostanze stupefacenti, ipotesi che la difesa al momento tende ad escludere. Mentre i risultati dai quali emergerà l’eventuale consumo di sostanze psicoattive dovrebbero essere pronti solo per la prossima settimana.

Lascia un commento

uno + cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.