“Ombre Prosequio” la mostra di Amedeo Gabucci a villa Favorita, Ercolano

Presso il caffè letterario “Le Scuderie” in mostra “lo scontro tra la luce e l’ombra”

Amedeo GabucciSi inaugura venerdì 4 settembre alle ore 19.00 la mostra Ombre Prosequio di Amedeo Gabucci in arte deò a cura di Giovanni Cardone presso “Le Scuderie” Caffè Letterario di Villa Favorita Ercolano, con il Patrocinio del Comune di Ercolano in collaborazione con la Universum Academy Switzerland – Regione Campania, e con l’Associazione Culturale Libera/mente. La mostra si potrà visitare fino al 26 settembre 2015.

Come ci dice Giovanni Cardone: “L’arte di Amedeo Gabucci in arte deò è antitesi e sintesi allo stesso tempo, lo scontro tra la luce e l’ombra è senza fine e senza risoluzione. Penombra non datur. Le linee orizzontali e quelle verticali non generano diagonali. Nelle sue opere lo scontro frontale, l’aporia è tra stasi e movimento, tra spazio e tempo. Tra la presenza fisica incombente della figura, del volto, e la sua instabilità, la sua evanescenza, il suo essere transeunte. Il dissidio insanabile è tra l’essere e il divenire, tra il condensarsi della materia e il suo espandersi, esplodere sino alla dissoluzione. Ma la materia in questione è il colore bianco impresso da un timbro sulla tela, con un gesto apparentemente impersonale. La materia è il nero, l’ombra. Nelle sue opere il conflitto invece è triplice, tra linee orizzontali e linee verticali, tra luce ed ombra, tra gesto e segno, tra le ascisse e le ordinate che non si incontrano. Le forze spingono in direzioni ortogonalmente opposte senza incontrarsi, senza fondersi.

I gesti orizzontali si sovrappongono o più spesso giustappongono a quelli verticali, generando tensioni. La luce è il risultato di un gioco dove l’ombra affiora morbida e sfumata, quasi evanescente, oppure incombe a larghe strisce dai contorni indefiniti. L’ombra è un panno morbido che avvolge. La luce è un gesto che rende unica l’opera. L’ombra in deò non è assenza di luce, ma presenza immanente, imprescindibile, incombente. Forse, addirittura, è la luce ad essere assenza di ombra, mancanza, negazione. Non che tutto questo non ci fosse anche prima. Solo che adesso il rigore estremo di queste opere mette a nudo brutalmente gli schemi, e al tempo stesso li rende anche più prepotentemente efficaci. E come possiamo chiamare il conflitto irrisolto tra luce ed ombra, tra essere e divenire, tra gesto e segno, tra orizzontalità e verticalità. A ciascuno poi, se lo vorrà, la possibilità di cogliere i risvolti metaforici di alcuni di questi poli contrapposti: luce ed ombra,gesto e segno, orizzontale e verticale”.

LE SCUDERIE – Caffè Letterario di Villa Favorita, Corso Resina 300/302 Ercolano (Napoli) dal 4 al 26 settembre 2015. Orari tutti giorni dalle ore 9.00 alle ore 22.00. Info e Contatti : Tel : 0817778052

Lascia un commento

12 − nove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.