Pizza Village: a Napoli si accendono i forni della pizzeria più grande del mondo lunga 1.300 metri

Con un inno alla pizza, il via alle selezioni del Campionato Mondiale del pizzaiuolo e le lezioni di pizza con Lidia Bastianich. Sul palco la Nuova compagnia di Canto Popolare

Napoli Pizza VillageNapoli, 1 settembre – Si accendono oggi i 50 forni del NapoliPizzaVillage sul Lungomare di Napoli che sforneranno pizze fino alla mezzanotte di domenica 6 settembre. Alle 18.45, con ingresso del Villaggio da parte di piazza della Repubblica, il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, unitamente agli organizzatori ed al presidente dell’associazione Pizzaiuoli Napoletani, Sergio Miccù, effettuerà il taglio inaugurale al quale prenderà parte anche la chef mondiale Lidia Bastianich.

Ben 1.300 metri per la pizzeria più lunga del mondo con 24.000 posti a sedere, a disposizione dalle 18.00 alle 24 dei sei giorni,  uno stadio  della Pizza alla Rotonda Diaz per assistere al Campionato Mondiale del Pizzaiuolo  (1 e 2 settembre) e un palco dove si alterneranno artisti in spettacoli di musica e  cabaret.

E come ogni inaugurazione che si rispetti, da quest’anno, quella del NapoliPizzaVillage, ha un inno: l’inno alla Pizza. Una rumba inedita e scritta appositamente per la pizza da Raffaele Piscitelli, Gianfranco Caliendo e Giuseppina Pascarella, presentata per la prima volta all’expo di Milano a giugno, dal titolo “My Pizza is wonderful”. Una melodia, cantata due voci da Nando Misuraca e Roberta Di Palma, che unisce tutti i popoli grazie ad un piatto presente su quasi tutte le tavole del mondo.

Il programma di domani prevede l’inizio delle selezioni del Mondiale, al quale partecipano 500 pizzaiuoli provenienti da tutti i continenti, che inizieranno intorno alle 16.00 e che saranno giudicati nella loro opera da una giuria di esperti presieduta da Lindia Bastianich, l’affettousa giudice delle scorse edizioni di Junior MasterChef.

E sarà proprio la famosa chef-italo americana a inaugurare le lezioni di pizza della “Scuola di pizza di Casa Rossopomodoro”, alle 18.30 con la prima delle tre lezioni che ogni giorno si terranno nell’area family” (lato piazza della Repubblica) grazie alla presenza di 20 celebri maestri pizzaiuoli. Le iscrizioni ai corsi vanno fatte on line  con un versamento  minimo di 10 euro a favore della onlus “Un cuore per amico” del professor Vosa.

La musica di Radio Pizza Village, con la conduzione di Ida Di Martino, intratterrà i visitatori fino all’inizio degli spettacoli serali. Ad aprire il calendario del palco, domani alle ore 21.00, non poteva che essere la musica napoletana con il sound della Nuova Compagnia di Canto Popolare. Una formazione che da oltre 40 anni si impegna a diffondere nel mondo  le più antiche melodie della musica partenopea e rientra a Napoli in occasione del Pizza Village  2015 dopo tappe a Berlino, Tokyo e al Cairo.

Ad affiancare, invece, la raccolta di firme promossa da Alfonso Pecoraro Scanio, per  sostenere la candidatura italiana all’Unesco dell’Arte dei pizzaiuoli napoletani come bene immateriale dell’Umanità, nasce un contest fotografico “Pizza nel Mondo#pizzaUnesco”.

Oltre a firmare la petizione nelle postazioni che sono in ognuna dei 50 stand delle pizzerie, fotografate la pizza preferita, che sia la più buona, la più bella o la più originale e postate il vostro scatto su Facebook/pizzaunesco entro il 5 settembre: gli autori delle 15 foto con più “mi piace” riceveranno un coupon omaggio per il NapoliPizzaVillage.

I biglietti sono acquistabili sia  alle 24 casse del villaggio sia on line  al costo di 12 euro che comprendono una pizza, una bibita, un caffè ed un dolce napoletano o un gelato. Lo spettacolo, l’intrattenimento e l’accesso al villaggio, sono gratuiti.

Lascia un commento