VI premio “La Convivialità Urbana”: gara tra architetti per il restyling dell’Ippodromo di Agnano

Bando per i progetti di riqualificazione dell’Ippodromo di Agnano, consegna entro il 1 ottobre. Dal 2 al 9 ottobre esposizione e  votazione dei progetti presso la Club House dell’ippodromo. In palio 2500 euro per il primo classificato

ippodromo AgnanoNapoli, 4 settembre –  L’Ippodromo di Agnano è il sito storico di Napoli da ristrutturare e ripensare in chiave moderna secondo l’associazione NapoliCreativa presieduta dall’architetto Grazia Torre che, dopo le aree del lungomare Caracciolo e della mostra d’Oltremare oggetto delle ultimi due bandi, lo ha scelto per la sesta edizione del premio di architettura “Convivialità Urbana”.

Risistemazione del parterre all’ingresso dell’Ippodromo, restyling esterno della cortina formata dalle tre tribune e ristrutturazione della tribuna laterale B per ospitare un ristorante panoramico sulle piste da corsa e uno spazio dedicato alla musica da utilizzare come discoteca ma che potrà anche interagire con il resto della struttura in occasione dei concerti internazionali. Sono questi gli spazi vissuti abitualmente dal pubblico dell’ippodromo e sui quali gli architetti partecipanti al bando (consultabile sul sito premiolaconvivialitaurbana.it) dovranno sviluppare i progetti di riqualificazione consegnandoli entro il 1 ottobre.

Dal 2 al 9 ottobre si svolgerà l’esposizione e la votazione dei progetti presso la Club House dell’ippodromo: una giuria tecnica e una popolare composta dal pubblico, voteranno attraverso un’apposita scheda da inserire nelle due urne (dal lunedì al venerdì dalle ore 16.00 alle ore 21.00, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 21.00). Il primo gruppo classificato vincerà 2.500,00 euro, 1.500,00 euro andranno al secondo classificato, 500,00 euro al terzo. Prevista menzione per il premio web. La settimana espositiva si aprirà con un convegno in programma venerdì 2 ottobre alle ore 16.00 per presentare i lavori, illustrare la storia della struttura e discutere sul rilancio dell’ippodromo. Dibattiti ed eventi per tutta la settimana.

Per Pier Luigi D’Angelo, presidente della Ippodromi Partenopei srl (società di gestione temporanea dell’Ippodromo di Agnano di Napoli) commenta così l’iniziativa: “il premio ideato da Grazia Torre rappresenta una grande opportunità per ripensare e tutelare i siti storici di Napoli e dimostra il legame profondo che i napoletani hanno per la loro città. La grande tradizione dell’Ordine degli Architetti di Napoli rappresenta il meglio di questa professione in Italia e nel mondo. Gioisco di questa iniziativa che la Ippodromi Partenopei supporterà fino a che gestirà l’impianto e sono curioso di valutare i progetti che saranno presentati anche e soprattutto in prospettiva futura. Sono certo che in questo momento di grave difficoltà del Paese e dell’ippica italiana, il Comune di Napoli e le Istituzioni Regionali vorranno e sapranno tutelare l’Ippodromo di Agnano, una magnifica struttura fonte di green economy, da speculazioni ed eventuali predoni “prenditori” sempre in agguato”.

All’iniziativa, patrocinata da Comune di Napoli, Seconda Università Luigi Vanvitelli e INARCH, e presentata ieri mattina nella sede dell’Ordine degli Architetti di Napoli e Provincia in piazzetta Matilde Serao, sono intervenuti oltre a Grazia Torre (presidente Associazione NapoliCreativa), Aldo Migliaccio (cda Ippodromi Partenopei), Salvatore Visone (presidente Ordine degli Architetti di Napoli e provincia), Gennaro Polichetti (Fondazione Ordine degli Architetti di Napoli), Lorenzo Capobianco (architetto presso la Seconda Università degli Studi di Napoli), Paola Marone (vicepresidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli e provincia).

Lascia un commento

diciannove − dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.