Criminalità, De Luca: “Siamo in condizione di contrastare il fenomeno e sconfiggerlo”

Il presidente della Regione Campania auspica di riuscire a consegnare entro una settimana un sistema di videosorveglianza nei luoghi del centro storico dove c’è un alto tasso di criminalità

Vincenzo De Luca“Ci troviamo dinanzi ad una escalation di violenza grave per la quale serve molta attenzione ma siamo assolutamente in condizione di contrastare il fenomeno e sconfiggerlo”. Queste le parole del presidente della Giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca, in riferimento ai tragici fatti di sangue che si sono registrati in questi giorni a Napoli e nel suo hinterland.

“Partiranno nei prossimi giorni – ha detto De Luca – i lavori per le telecamere in via Duomo, via San Gregorio Armeno e nelle piazze della movida. Poi con le forze dell’ordine, Questura e Prefettura, – ha continuato – concorderemo un piano da finanziare con i fondi europei per estendere la videosorveglianza a quanta più parte del territorio del centro storico di Napoli e altri territori delicati della Regione”.

“I 50 uomini promessi da Alfano saranno pochi ma con questi chiari di luna sono abbastanza se verranno collocati in posti delicati”. Così De Luca ha commentato l’invio di 50 uomini a supporto del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato e delle Compagnie Intervento Operativo dell’Arma dei Carabinieri da parte del ministro dell’Interno Angelino Alfano.

Alla domanda se le fiction tv sulla camorra possano alimentare il fenomeno: “Sinceramente no, ma credo che sia utile offrire della Campania sempre un’immagine equilibrata. Se offriamo della nostra Regione solo l’immagine della camorra, si fa un doppio errore. Primo, rischiamo che diventi storica. Secondo, diamo l’idea agli stessi cittadini campani che non sia possibile fare le cose perché c’è la camorra. Non dimentichiamo – ha chiarito De Luca – che possiamo combatterla”.

One thought on “Criminalità, De Luca: “Siamo in condizione di contrastare il fenomeno e sconfiggerlo”

  1. Ottima iniziativa. La sorveglianza tramite telecamere e’ fondamentale, soprattutto nei posti nevralgici. Inoltre 50 uomini in piu’ non sono affatto male, speriamo agiscano in modo incisive e deciso. Le fiction sulla camorra, qui non sn d’accordo incidono eccome perche’ questa gente si vede esaltata in questi film si “gasa” ancora di piu’ si sente virile e protagonist, per la serie “devo fare quello che devo fare per essere il grande camorrista”, quind se non si fanno proprio queste fiction e’ meglio perche’ viene tolto il riflettore su di loro e tutto e’ molto piu’ ammordibidito. Ed esono doppiamente negative perche’ alimentano anche I soliti pregiudizi su Napoli!

Lascia un commento

uno × cinque =