Ex M5S sempre più vicini a Possibile di Civati, nuovo gruppo parlamentare negli obiettivi

Lo scopo sarebbe quello di formare un nuovo gruppo parlamentare alla Camera dei Deputati

Pippo CivatiRoma, 12 settembre – Un nuovo gruppo alla Camera formato dagli ex M5S di Alternativa Libera e dagli ex Pd del movimento Possibile? Sarebbe questo lo scenario che si va delineando, con il progressivo avvicinamento degli ex pentastellati ai civatiani. “Non c’è niente di concreto. Non è stato deciso nulla. Da mesi si annusano perchè ci possono essere dei punti politici in comune”, dice Tancredi Turco di Alternativa Libera, spiegando che al momento si tratta solo di una “ipotesi prematura”.

I numeri, tra l’altro, non ci sarebbero. Per formare un nuovo gruppo parlamentare sono necessari 20 deputati. Alternativa Libera si compone di 9 deputati e non tutti sarebbero convinti nel passare. Per esempio Walter Rizzetto, capogruppo di Al, dovrebbe scegliere un’altra strada. Il deputato friulano si colloca in un’area di centrodestra ed è difficile possa seguire i colleghi. Gli altri, invece, stanno valutando il progetto civatiano. Tra questi c’è Massimo Artini, ex compagno di scuola di Matteo Renzi.

Già a luglio c’erano stati dei segnali di avvicinamento con la presenza a Politicamp – la tre giorni ideata da Civati per lanciare la campagna referendaria che lo vede impegnato con la raccolta firme fino al 30 settembre – di Artini, Baldassare, Bechis e Turco. Se il matrimonio tra Possibile e Alternativa Libera si farà, la prima battaglia comune potrebbe essere quella sulla finanziaria. Il nuovo gruppo potrebbe presentare un contro-documento di programmazione economica e finanziaria, come fatto dal M5S lo scorso anno. Poi c’è l’impegno per i referendum promossi da Possibile, già firmati dai più convinti nel progetto di Pippo Civati.

Lascia un commento

diciannove − 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.