Napoli: scippa orologio da venticinquemila euro a turista asiatico, arrestato dai Falchi della polizia

Il rapinatore aveva seguito la coppia di asiatici tra i vicoli del centro storico per rubare il prezioso cronografo Hublot indossato dal turista che, in seguito alla violenza dello scippo, ha riportato una forte contusione al polso e dieci giorni di prognosi

scippo turistaNapoli, 20 settembre – Rapina sventata ieri nel centro storico di Napoli dagli agenti dei Falchi della sezione Criminalità diffusa della Squadra Mobile che hanno arrestato un giovane rapinatore, Emanuele Ligniti, che aveva appena messo a segno un colpo da 25 mila euro. Nel mirino del rapinatore diciannovenne, una coppia di turisti stranieri che passeggiava per i vicoli del quartiere Vicaria.

La coppia orientale era stata seguita a piedi dal malvivente che aveva puntato al prezioso orologio indossato dal turista, un cronografo Hublot del valore appunto di 25 mila euro. Con violenza gli aveva strappato dal polso il prezioso oggetto scaraventandolo a terra ed era prontamente scappato in direzione del compare che avrebbe dovuto attenderlo con lo scooter a breve distanza, ma che notando invece la presenza degli agenti di polizia che gli si avvicinavano per un controllo, aveva ben pensato di darsela a gambe abbandonando il complice che invece, impegnato nel furto, non si era reso conto di essere seguito dalla polizia.

I falchi che lo avevano visto seguire i turisti nei pressi di Vico S. Caterina a Formiello, lo hanno immediatamente raggiunto e bloccato a Vico Longo dopo un maldestro tentativo di fuga del ragazzo che vistosi alle strette aveva anche cercato di sbarazzarsi dell’orologio buttandolo a terra e cercando di spingerlo con il piede tra le fessure di un tombino, senza però riuscirci perché fermato in tempo dai poliziotti.

Dieci i giorni di prognosi per il turista, che dolorante per la caduta e per il polso strattonato in seguito al furto, è stato accompagnato all’ospedale dei Pellegrini per essere visitato. I medici gli hanno riscontrato una forte contusione al polso con ecchimosi. Unica nota positiva per l’asiatico, dopo la brutta avventura tra i vicoli di Napoli nel giorno dedicato al Santo Patrono, San Gennaro, è che ha potuto riavere il suo orologio da 25 mila euro anche se danneggiato dall’urto.

Il rapinatore, con pregiudizi di Polizia, è stato condotto al Carcere di Poggioreale perché responsabile del reato di rapina aggravata.

Lascia un commento