Sarri: “Vietato pensare al Milan”. Stasera in Europa League c’è il Legia Varsavia

Fischio d’inizio ore 21.05 al Pepsi Arena di Varsavia. Nella seconda giornata della fase a gironi di Europa League, il Napoli proverà a conquistare un altro successo e a staccare le altre del girone. Ma la gara è complicata sia in campo, che sugli spalti

Sarri Europa LeagueDopo aver iniziato benissimo il cammino europeo mettendo a segno una grande vittoria contro il Club Brugge, la banda Sarri è attesa stasera al Pepsi Arena dove incontrerà il Legia Varsavia, squadra della capitale Polacca. Forte dei risultati positivi ottenuti in campionato, il Napoli arriva alla sfida con entusiasmo ma anche tanta stanchezza, dovuta ai ravvicinati impegni – 7 gare in 21 giorni – e con il pericolo di avere già la testa al San Siro, dove domenica sera ad attendere gli azzurri c’è il Milan.

Sarà meglio, invece, che gli azzurri restino concentrati sulla gara contro il Varsavia. Vincere potrebbe significare staccare le altre del girone ed affrontare le prossime gare europee con più tranquillità. Cosa non facile, perchè se è vero che il Varsavia non se la passa bene arrivando all’appuntamento dopo aver perso nella prima giornata contro il Midtjylland – e aver perso recentemente in campionato contro il Termalica Bruk – è altrettanto vero che i polacchi hanno in squadra 4 o 5 individualità capaci di cambiare gli equilibri in qualsiasi momento della partita.

Capitolo a parte merita la questione stadio. Sul fronte del tifo sarà una partita calda, sia perchè i tifosi del Varsavia sono gemellati con quelli della Juventus – questo spiegherebbe la provocazione che un teppista polacco ha lanciato entrando nel San Paolo e vandalizzandolo con scritte offensive – e per il fatto che gli stessi tifosi del Varsavia sono tutt’altro che nuovi ad episodi di violenza.

I giocatori del Varsavia dimostrano di credere al successo contro gli azzurri. “Sarà una grande festa – ha detto il terzino Rafal Makowski – per il club, i tifosi e noi giocatori. Il Napoli – ha poi aggiunto senza peli sulla lingua – è una concorrente forte, sì, ma non esageriamo, non è il Real Madrid. Credo che domani saremo in grado di sorprenderli e batterli come ha fatto il BATE Borisov con la Roma”.

Sarri, come da sua consuetudine, non ha voluto svelare alcun dettaglio sulla formazione in campo. Quando gli è stato chiesto quante possibilità ci siano di vedere Strinic e il neo acquisto Chalobah nell’undici titolare, il tecnico del Napoli ha affermato: “Le stesse degli altri 18. Non dirò mai chi gioca, quindi è inutile. Sapete come la penso, non manco di rispetto ai miei giocatori dando la formazione prima ai giornalisti. Abbiamo rinunciato ad Hamsik, Hysaj e Insigne, che sono rimasti a Napoli. Faremo delle scelte. Sarà – ha aggiunto – una gara non semplice. Gli avversari ci metteranno in difficoltà ed è – ha concluso – vietato pensare al Milan”.

L’alleatore del Legia Varsavia Henning Berg dovrà fare a meno del centrocampista Furman per squalifica e probabilmente al talentuoso Duda per infortunio. In difesa Rzezniczak e Lewczuk centrali con Bereszynski a destra e Brzyski a sinistra. A centrocampo con Vranjes, Tričkovski. Sulla trequarti il terzetto composto da Guilherme, Prijovic, Kucharczyk in supporto alla punta Nikolic.

Sarri stavolta sceglie il turnover, anche se non eccessivo. Non convocati Hamsik, Hysaj ed Insigne. Davanti a Reina, coppia di centrali formata da Chiriches e Albiol con Maggio a destra e Strinic a sinistra. A centrocampo Lopez, Valdifiori ed Allan. In attacco tridente formato da Mertens, Gabbiadini, Callejon.

Le probabili formazioni:

LEGIA VARSAVIA (4-2-3-1): Kuciak; Bereszynski, Rzezniczak, Lewczuk, Brzyski; Tričkovski, Vranjes; Guilherme, Prijovic, Kucharczyk; Nikolic. All. Berg

NAPOLI (4-3-3): Reina; Maggio, Albiol, Chiriches, Ghoulam; Lopez, Valdifiori, Allan; Mertens, Gabbiadini, Callejon. All. Sarri

ARBITRO: Koukoulakis (Grecia)

Lascia un commento

20 − 2 =