Violata la segretezza del campione Auditel, la Nielsen svela email riservate

I segreti dell’Auditel sono sempre stati protetti molto attentamente ma un “errore tecnico” avrebbe causato la rivelazione di dati sensibili

auditelViolato la segretezza del campione Auditel per la rilevazione degli ascolti televisivi.  A comunicarlo è stata la stessa società che lo gestisce. In una nota si legge: “Siamo stati informati dal nostro fornitore Nielsen che, per un errore, sono state trasmesse comunicazioni di posta elettronica a famiglie del campione rendendo visibili gli indirizzi e-mail. Il nostro Comitato Tecnico si è posto immediatamente al lavoro per individuare valutazioni e proposte che saranno esaminate dal Consiglio di Amministrazione della Società già convocato per mercoledì 14 ottobre. Auditel intende confermare la propria linea, trentennale, di serietà e trasparenza”.

La Nielsen avrebbe inoltrato alle famiglie del campione Auditel una email collettiva con in chiaro gli indirizzi di tutti gli altri destinatari. L’incidente di percorso si è verificato mercoledì 7 ottobre. Ma che sia una questione di un click errato o di una manipolazione del sistema ancora non si sa. Altro elemento da valutare è quante identità sono divenute pubbliche, poiché molte erano formate da nickname o non sono riconoscibili. Il problema principale per l’Auditel e per gli investitori pubblicitari, è quanta parte del campione, al giugno del 2014, 15mila 600 famiglie in totale, non possiede più i requisiti di sicurezza e riservatezza.

Per ora l’Auditel ha deciso di non intervenire sul campione e di sospendere le identità rivelate. Un altro campo ancora sconosciuto è quello delle conseguenze che riscontreranno nei rapporti con la Nielsen, materia probabilmente all’attenzione del prossimo consiglio di amministrazione che si terrà il 14 ottobre.

La veridicità del campione, la loro riservatezza, insieme ai metodi di rivelazione sono il vero asset di Auditel. La società, nata nel 1984, ha diffuso i primi dati nel 1986: sono gli ascolti a definire le tariffe delle reti televisive ed a consentire la stima dell’efficacia dell’investimento degli investitori pubblicitari. E la fiducia verso questo sistema è tutto basato sulla credibilità che l’azienda è in grado di offrire.

Lascia un commento

14 + 12 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.