De Luca indagato per concussione: M5S, da inchiesta emergono fatti gravissimi

“Scenari, se confermati dall’inchiesta da golpe che il M5S denuncia con forza a tutela dell’istituzione regionale e delle cittadine e cittadini campani”

valeria-ciarambino“Emergono dall’inchiesta condotta dalla Procura di Roma fatti gravissimi e inquietanti”. Così, in una nota, il Movimento 5 Stelle della Campania, in merito all’inchiesta che vede coinvolto, tra gli altri, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

“Il M5S – continua la nota – già all’insediamento del Presidente Vincenzo De Luca, con una manifestazione pubblica denunciò l’inadeguatezza e l’imbarazzo per un presidente condannato per abuso d’ufficio a capo di una istituzione e a rischio sospensione per le disposizioni della legge Severino”. Secondo il M5S, “alla luce delle notizie emergerebbe che una combriccola condizionò o quando mene ebbe informazioni riservate coperte dal segreto d’ufficio sul giudizio del Tribunale che avrebbe dato il via libera a De Luca e proteggendolo dall’applicazione della Severino”.

“Scenari, se confermati dall’inchiesta – continua la nota – da golpe che il M5S denuncia con forza a tutela dell’istituzione regionale e delle cittadine e cittadini campani. De Luca liquida tutte le sue cose come palle spieghi in Consiglio ciò che sta accadendo. Per la delicatezza della vicenda e anche per le decisioni che le Commissioni e il Consiglio della Regione sono prossimi a prendere su tempi importanti come il riordino idrico, il nuovo statuto e regolamento diamo appuntamento ai giornalisti per una conferenza stampa alle ore 15 fuori l’edificio F13 del Consiglio della Regione Campania”. “Il M5S vuole spalancare porte e finestre della Regione Campania e fare uscire quell’orribile puzzo nauseabondo di compromesso che fuoriesce dalle stanza del potere di De Luca”, conclude la nota del Movimento.

Lascia un commento

nove + sedici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.