250° Anniversario della Prima Mostra dell’Acqua Carolina a Caserta.

Nel maggio di 250 anni fà, precisamente il 7 maggio 1762, i cittadini di Caserta e dintorni si radunarono nei pressi del Palazzo Reale per l’inaugurazione di qualcosa che avrebbe cambiato il loro tenore di vita.

Come in un anfiteatro si misero ad ammirare la nuova opera dell’architetto Luigi Vanvitelli, l’acquedotto carolino, che prende il nome da colui che lo commissionò, il re Carlo di Borbone.

Nato per alimentare il complesso di San Leucio, e che fornisce anche l’apporto idrico alla Reggia di Caserta, preleva l’acqua alle falde del monte Taburno e si estende per una lunghezza di 38 km.

L’acquedotto carolino verrà analizzato nei suoi vari aspetti in una mostra-convegno che ripercorrerà tutta la storia di quella che fu una vera e propria innovazione. La “Prima mostra dell’acqua carolina”, coordinata dal Comm. Avv. Prof. Alberto Zaza d’Aulisio, avrà luogo nell’aula magna dell’ITI F. Giordani di Caserta il 18 maggio dalle ore 9.00 alle 12.40.

Si potranno ammirare modellini, fotografie, quadri e ascoltare di documenti e lettere di quel tempo, grazie alla presenza di professori e architetti, oltre alla partecipazione del sindaco e dell’assessore alla cultura del comune di Caserta.

Lascia un commento

4 × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.