Sesso: un test a prova di bugie per misurare la felicità della coppia

Il sessuologo Avenia: massima autenticità delle risposte ‘blindandone’ il contenuto segreto. Si lavora anche ad una versione per le coppie omosessuali e una per i single

sesso coppiaRoma, 4 dicembre (AdnKronos Salute) – Misurare la felicità di coppia nella sfera affettiva e sessuale con un test molto dettagliato, a prova di bugie. E’ l’obiettivo del Questionario sessuologico integrato di coppia, messo a punto da Franco Avenia, vicepresidente della Federazione italiana di sessuologia scientifica (Fiss) e presidente dell’Associazione italiana per la ricerca in sessuologia (Airs), che lo presenterà in occasione del Congresso nazionale della Fiss, in corso a Roma fino a domani al Centro Congressi Frentani.

L’innovativo questionario, basato su 256 domande strutturate specularmente per lui e per lei, “consente la massima autenticità delle risposte – spiega all’Adnkronos Salute Avenia, che l’ha elaborato con la collaborazione della dottoressa Nazarena Patrizi – ‘blindandone’ il contenuto: si indica, in un’apposita colonna colorata, che cosa può essere riferito al partner e che cosa, invece, deve rimanere alla sola conoscenza del consulente o del terapeuta”.

La colonna ‘della riservatezza’, in pratica, ospita le risposte che non si vogliono far saper al partner: chi compila il questionario ha così la certezza che i suoi ‘segreti’ sono al sicuro e sarà sincero. Nelle risposte confesserà un tradimento, la visione di video pornografici su internet oppure il calo del desiderio. O ancora un comportamento del partner che dà fastidio. “Il problema dei tradizionali questionari sessuologici di coppia – prosegue Avenia – consiste proprio nel fatto che chi risponde spesso mente e che il consulente/terapeuta ha sempre difficoltà a gestire la comunicazione, in quanto non sa con certezza quali siano le informazioni ricevute da un partner che possa trasmettere all’altro e se i partner abbiano appunto risposto sinceramente”.

Con le risposte ‘blindate’, invece, “si ha un panorama chiarissimo delle dinamiche sessuo-relazionali di coppia, pur salvando tra i partner la riservatezza assoluta di alcuni temi“, sottolinea. Il questionario, afferma l’esperto, punta a “far riflettere con attenzione sulla propria sessualità e su come la si esprime in coppia; aiutare a scoprire concordanze e incongruenze della sessualità di coppia, ovvero comportamenti desiderati da entrambi che non mettono in atto perché un partner non ne ha mai parlato con l’altro, oppure comportamenti che danno fastidio ma senza il coraggio di dirlo all’altro”.

E ancora, “scoprire modalità e situazioni di comportamenti sessuali che potrebbero renderli decisamente più gratificanti, liberare in coppia desideri e fantasie repressi, accrescere il livello di comunicazione fra i partner. Obiettivo importante – per Avenia – è consentire al consulente o terapeuta sessuale a cui ci si è rivolti, di indicare i passi necessari per ricostruire, riavviare o ottimizzare la sessualità di coppia”.

Delle 256 domande, che indagano i diversi ambiti della sessualità – dal desiderio, alle fantasie e all’orgasmo – e anche dell’affettività, solo le ultime 5 sono strutturate a risposta aperta. Inoltre “per permettere, con maggiore facilità, di confrontare e analizzare simmetricamente le risposte, avendo una visione globale di ciò che i partner pensano, desiderano e di ciò che vogliono lasciare segreto – conclude – i questionari compilati vengono ‘confezionati’ con una rilegatura parallela (detta ‘easy reading’) creando un unico documento simmetrico di ciò che dice lui e ciò che pensa lei”. Il questionario potrà essere messo a disposizione dei sessuologi, ma anche di chi si occupa di mediazione familiare. La Fiss sta anche lavorando a una versione per le coppie omosessuali e una per i single.

Lascia un commento