Citema, previste nuove assunzioni: a Capua un distretto aeronautico tra ricerca aerospaziale ed aziende di aviazione generale

Lepore: “L’aerospaziale è un settore fondamentale per il nostro territorio, un polo di grande qualità e potenzialità che mostri al Paese le eccellenze a sistema della Regione Campania”

Citema_inaugurazioneNapoli, 14 dicembre – “Con questo stabilimento si completa un ciclo – ha dichiarato l’ingegnere Francesco Floro Flores presidente del Gruppo Trefin, che comprende Aerosoft e Citema – ovvero si verticalizza la capacità dell’azienda Citema, che nei prossimi mesi, a regime, sarà in grado di fare dall’ingegneria al prodotto finito”.

All’inaugurazione hanno preso parte, oltre all’ingegnere Floro Flores l’Assessore alle Attività produttive Amedeo Lepore, il sindaco di Capua Carmine Antropoli ed il professor Luigi Carrino, presidente del CIRA, Centro Italiano Ricerche Aerospaziali. Lo stabilimento Citema del gruppo Trefin, di 4.000 mq sorto su un’area di circa 16.000 mq a Capua (CE), nelle adiacenze del CIRA, è un progetto, cofinanziato dall’Unione Europea nell’ambito del P.O.R. (Piano Operativo Regionale) FESR 2007-2013, che ha previsto un investimento complessivo di circa 10 milioni di Euro, di cui 4 milioni e 200 mila euro di finanziamento pubblico.

“Questa nuova realtà- ha detto all’incontro l’assessore alle Attività produttive Amedeo Lepore – servirà a fare emergere il processo di innovazione e di sviluppo che sta cominciando a mettersi in connessione per fare sistema. Citema è un’industria molto importante perché dalla meccanica di precisione si guarda all’aerospaziale e allo sviluppo di un settore fondamentale per il nostro territorio, che passa dai materiali alle nuove tecnologie in modo positivo, per avviare finalmente un percorso condiviso che mostri le eccellenze a sistema della regione Campania”.

Mentre osservando l’aspetto più tecnico ha aggiunto il professor Luigi Carrino presidente del centro italiano ricerche aerospaziali – “Citema si inserisce in un polo, che vede in un territorio circoscritto, la presenza del CIRA che opera per conto dello stato italiano, nonché aziende che producono aeromobili di aviazione generale. Ovvero un sistema complessivo di soggetti che in relazione strategica tra di loro diventeranno motori di sviluppo e attrattori di investimento oltre a motori di occupazione”.

Per l’insediamento infatti è stato scelto il territorio di Capua, di fronte al Cira per motivi di integrazione tra la piccola e media impresa e società della ricerca oltre ad altre imprese campane creando un distretto aeronautico. “Con l’impegno – ha continuato Floro Flores – di una trentina di nuove assunzioni di cui una quindicina già fatte, e da completare per fine anno, oltre a trasferire tutta la nostra attività di ingegneria dal centro direzionale di Napoli a Capua, con circa duecento persone che lavoreranno qui. Tutti ingegneri ed informatici di alto profilo, di cui molti laureati con lode”.

Lascia un commento

13 − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.