Baby squillo si ribella ai suoi aguzzini

Albanese, per mesi senza identità. Era stata sottratta a famiglia

baby_squilloNapoli, 17 dicembre – Prostituta già a 16 anni, ridotta in schiavitù da una banda di connazionali senza scrupoli che con l’inganno l’ha sottratta alla famiglia per farla venire in Italia e poi le hanno tolto i documenti: una giovane albanese ha accettato il percorso di recupero dell’Unità operativa tutela emergenze sociali e minori della polizia Municipale di Napoli per studiare e frequentare corsi di formazione per estetista e parrucchiere voltando le spalle alla prostituzione.

Lascia un commento

cinque + sedici =