Atalanta-Napoli 1-3. Colpaccio degli azzurri a Bergamo al termine di una partita altamente complicata

Vantaggio iniziale del Napoli al 52′ con Marek Hamsik. Nell’Atalanta risponde il Papu Gomez. Poi Higuain mette a segno una doppietta e chiude la partita, terminata in 10 uomini da entrambe le formazioni per le espulsioni di Jorginho e Paletta

Atalanta Napoli HiguainATALANTA (4-3-3): Bassi; Bellini (dal 63′ Raimondi, dal 78′ Masiello), Stendardo, Paletta, Brivio; Grassi, De Roon (Dal 78′ D’Alessandro), Cigarini; Moralez, Denis, Gomez.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Koulibaly, Albiol, Ghoulam; Allan (dal 65′ David Lopez), Jorginho, Hamsik; Callejon, Insigne (dal 72′ Mertens), Higuain (dall’89’ Maggio).

MARCATORI: 52′ Hamsik (N), 54′ Gomez (A), 62′ Higuain (N), 85′ Higuain (N)

ARBITRO: Rocchi di Firenze

Napoli, 20 dicembre – Higuain riesce a regalare la vittoria al Napoli. Lo fa quando la partita sembrava essersi complicata per l’espulsione di Jorginho, autore di un brutto fallo su De Roon. Bergamo anche questa volta si rivela un campo complicato. Campo sul quale si può vincere, come ha dimostrato oggi la squadra di Sarri, ma non senza faticare duramente. Almeno per il Napoli è così. Per gli azzurri era importante vincere. Era importante chiudere il 2015 nel giusto modo, tornando alla vittoria in campionato dopo la sconfitta di Bologna e il pari contro la Roma. Vittoria che è arrivata e dimostra solidità psicologica e compattezza. Non male per una squadra che nel 2016 dovrà continuare a lottare per l’obiettivo più ambito: lo scudetto.

Dopo tre minuti dal fischio iniziale dell’arbitro Rocchi, l’Atalanta riesce a rendersi pericolosa e ha l’opportunità di andare in vantaggio. Denis trova il corridoio per lanciare a rete Moralez: sulla conclusione dell’attaccante argentino, Reina respinge di piede. Al 13′ calcio d’angolo per l’Atalanta concluso con un nulla di fatto ma la palla è intercettata dal Napoli, che scatta in contropiede e conclude in porta con Higuain. Bassi riesce in una parata complicata. Nei minuti successivi la squadra di Sarri soffre. Forse anche per le non buone condizioni del terreno di gioco, che penalizzano il giro palla.

Al 33′ la squadra di Reja riesce a rendersi pericolosa grazie a una conclusione di Grassi dal limite dell’area. Di poco alto il tiro del giocatore bergamasco. Poco dopo ci prova Cigarini a infilare Reina, ma quest’ultimo sfodera i riflessi ed evita il vantaggio degli atalantini.

La partita si sblocca nella ripresa. Al 52′ del secondo tempo De Roon intercetta palla con la mano nel tentativo di anticipare Higuain. Sul dischetto va Hamsik, che trasforma in rete. L’Atalanta però non si perde d’animo e al 54′ trova la rete del pari con il Papu Gomez. Per la formazione di Sarri sembra farsi complicata ma non è così. Higuain elude la marcatura di De Roon e di testa porta nuovamente in vantaggio i suoi.

Vantaggio che sembra poter sfumare quando il Napoli rimane in 10 uomini per un fallaccio di Jorginho proprio su De Roon. Il Pipita mette fine alle speranze dell’Atalanta con la rete del 3-1, segnata al termine di una cavalcata in contropiede. Allo scadere del tempo regolamentare, Paletta atterra Mertens in area di rigore e oltre ad essere espulso dà la possibilità agli azzurri di calare il poker. Ma Hamsik dagli 11 metri spara alto e fa arrabbiare Sarri. Che al termine della gara può sorridere.

Lascia un commento

1 × due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.