Capodanno all’Inferno, il teatro al museo del Sottosuolo

La giovane compagnia Manovalanza in scena il 30 dicembre al Museo del Sottosuolo. A Capodanno “L’Inferno di Dante” e le visite guidate da ‘o Munaciello

Dante InfernoTantissimi appuntamenti per il Capodanno al Museo del Sottosuolo in Piazza Cavour 140. Dopo il successo delle repliche di Natale, “L’Inferno di Dante” di Domenico Maria Corrado torna nei giorni 1, 2 e 3 gennaio. Dante come non l’avete mai visto, ascoltato e percepito nell’allestimento della Tappeto Volante che ha già incantato tanti visitatori con le suggestive atmosfere della prima Cantica della Commedia del Sommo Poeta in un luogo d’eccezionale bellezza, quale è il Museo del Sottosuolo di Napoli. Anche per la visita al Museo del Sottosuolo con la guida soprannaturale de ‘O Munaciello, la data festiva del 1 gennaio si va a sommare alle consuete del 2 e 3 dello stesso mese. Col Monaciello sarà possibile scoprire i segreti del Sottosuolo di Napoli in un modo nuovo e divertente, adatto a tutte le età.

Ancora teatro al Museo: il 30 dicembre, alle ore 18 e alle 21, doppio spettacolo per “Miriàm – storia laica di una nascita annunciata” della compagnia Manovalanza. E’ un elogio alla semplicità, incastro tra narrazione e poesia che con pochi e sentiti elementi, si fa teatro. È il racconto universale della nascita e della morte, di una maternità profondamente laica che pure si riconosce nei nomi e nei luoghi di una fede nata senza il sospetto del proselitismo. Storia di un Cristo nella pancia di sua madre, racconto intenso di nove mesi di paura, solitudine, incomprensione, stelle guida e stupore di fronte all’inatteso. La scena è quasi vuota, solo un luogo da riempire con voce accompagnata, presa per mano, da note, ritmo e melodia di viaggio, e poi tratti di pennello dipinti da corpi in stati tragici e incantevoli, che mostrano agli occhi i luoghi impossibili di una storia possibile.

Lascia un commento

diciotto − 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.