Cento aggressioni a sfondo sessuale in una sola notte, quella di Capodanno, in Germania. La polizia sospetta di un gruppo di circa 20 persone di origine nordafricana. Si tratta di una nuova forma di criminalità organizzata secondo il ministro della Giustizia, Heiko Maas. Registrate 90 denunce per molestie e furti a Colonia, dove sarebbe avvenuto anche uno stupro, e dieci ad Amburgo

Natale ColoniaColonia, 5 gennaio – Nella notte del 31 dicembre decine di donne sono state molestate a Colonia da un gruppo di uomini ubriachi nella zona della stazione centrale e del Duomo. Lo ha riferito la polizia di Colonia che sta indagando su quelli che sono stati definiti “delitti pesanti di tipo sessuale” e di vera e propria violenza. Si tratta di “reati di una dimensione completamente nuova”, ha spiegato il capo della polizia di Colonia Wolfgang Albers, il quale ha descritto l’incredibile vicenda di cui sono state vittime donne che erano in città per festeggiare il Capodanno. Un migliaio di uomini, tra i 15 e i 35 anni, “dall’aspetto originari di regioni arabe o nordafricane”, si è radunato nella piazza della stazione centrale per poi frantumarsi in più gruppi che hanno circondato, molestato e derubato diverse donne. “Non siamo di fronte a 1.000 colpevoli”, ha precisato Albers in conferenza stampa ricostruendo la dinamica degli eventi, ma è impossibile e prematuro fornire una cifra precisa.

La cancelliera Angela Merkel ha chiesto una dura risposta da parte dello Stato di diritto e, in una telefonata al sindaco di Colonia Henriette Reker, ha espresso il suo sdegno per le “disgustose violenze e chiesto che ogni sforzo venga fatto per indagare e condannare al più presto i colpevoli, senza riferimento alla loro origine”. Casi analoghi, anche se in dimensione largamente minore, sono stati segnalati ad Amburgo e Stoccarda. Anche lì la polizia indaga per reati sessuali e furti nei confronti di giovani donne.

La vicenda è molto delicata per il sindaco Henriette Reker, accoltellata in ottobre alla vigilia delle elezioni per il suo atteggiamento favorevole all’accoglienza dei rifugiati siriani. Un suo portavoce ha assicurato che il sindaco non intende tollerare che nella sua città vi siano aree dove la legge non è rispettata. Allo stesso tempo vi è il timore che la vicenda venga strumentalizzata da gruppi razzisti o anti migranti. Intanto sono state adottate misure straordinarie per garantire la sicurezza delle donne in vista del Carnevale dal 4 al 10 febbraio, quando la città ospiterà un milione di visitatori. Ci saranno poliziotti a ogni angolo, in uniforme e in abiti civili e videocamere mobili. Reker ha poi ha voluto ribadire: “Non c’è la minima indicazione che tra i colpevoli vi siano profughi attualmente ospitati nei centri della città, ogni supposizione in tal senso è assolutamente inattendibile”.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *