Più di 6000 firme in poche ore contro il gesto crudele e insensato di due pescatori sardi

gabbiano.petardoUn gesto di un’atrocità impensabile. A Siniscola, città di mare in provincia di Nuoro, dove essere umani e animali del porto dovrebbero aver imparato a convivere in armonia, due pescatori hanno commesso un’azione crudele e disumana: dopo aver catturato un gabbiano gli hanno legato al collo un petardo, dopodiché lo hanno liberato in volo.

Pochi secondi dopo hanno assistito, divertiti e compiaciuti, a una raccapricciante scena che hanno ripreso con un telefonino: l’esplosione in mille pezzi del povero volatile. Fieri del loro “gabbiano kamikaze”, hanno pensato bene di diffondere il filmato sui social. In poco tempo sono stati rintracciati dai carabinieri e denunciati, ma quale sarà la punizione per questi due esseri che di umano hanno ben poco? Di certo non sarà mai proporzionata alla violenza del gesto commesso, una violenza che oggi trova sfogo su un animale innocente e senza difese, ma domani potrebbe tornare a colpire, con ancora più ferocia. Atti di questo tipo vanno puniti in maniera esemplare!

QUESTA MATTINA I COLLEGHI CARABINIERI HANNO SCOPERTO E DENUNCIATO GLI AUTORI DEL VILE GESTO CHE ABBIAMO VISTO TUTTI NEL VIDEO DA ME POSTATO. RINGRAZIO TUTTI PER LA CONDIVISIONE DEL VIDEO, A VOLTE FACEBOOK È UN GRANDE STRUMENTO. GRAZIE.

Posted by Fabio Casula on Domenica 3 gennaio 2016

LA PETIZIONE – “Non è possibile che accadano cose del genere!! A Nuoro due pescatori hanno catturato un gabbiano e dopo avergli legato un petardo attorno al collo e aver acceso la miccia lo hanno liberato in volo. Immaginate il risultato: il petardo è esploso disintegrando il povero volatile in mille pezzi. Come se questa barbarie non bastasse, hanno pure filmato l’accaduto, condendo il video con commenti stupidi e insensati, tipo “gabbiano kamikaze”. Come può essere che esistano individui così crudeli e vili? Il video è finito su Facebook e velocemente ha fatto il giro di tutti i social. I carabinieri hanno individuato e denunciato i due pescatori, ma non è sufficiente: QUESTE “PERSONE” DEVONO ESSERE PUNITE SERIAMENTE! Un gesto del genere non ha nulla di umano!”. Per aderire gratuitamente alla raccolta firme, basta andare a questo link e cliccare su “firma”.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *