A compiere il gesto un ucraino di 44 anni, morto dopo il ricovero

CarabinieriNapoli, 9 gennaio – E’ deceduto in ospedale l’uomo che stamani ha ucciso la moglie e la figlia (vai all’articolo) a colpi d’ascia in una casa a Licola di Giugliano (Napoli) e si è poi ferito alla gola con un coltello.

Quando i carabinieri sono giunti in casa era ancora lucido. Poco prima al suo datore di lavoro che era andato nella casa di Licola aveva detto: “Ho fatto un guaio“.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *