Nasce l’Osservatorio per giovani professionisti, firmato il protocollo d’intesa

Intesa tra de Magistris e rappresentanti associazioni giovanili degli ordini professionali. Iniziativa, prima in Italia

giovani professionistiNapoli, 13 gennaio – È stato firmato dal sindaco della città Metropolitana di Napoli, Luigi de Magistris, e dai rappresentati delle associazioni giovanili degli ordini professionali, il protocollo d’intesa per l’istituzione dell’Osservatorio dei giovani professionisti. Lo scopo dell’osservatorio è quello di partecipare con funzione consultiva alle attività di competenza della città metropolitana, come, proporre iniziative, idee e progetti innovativi da sottoporre alla valutazione del sindaco, inoltre garantire un collegamento sinergico con le altre associazioni di giovani professionisti delle altre città metropolitane del Paese.

Il sindaco Luigi de Magistris ha sottolineato come “l’iniziativa, prima in Italia, nasca su sollecitazione delle stesse organizzazioni giovanili degli ordini professionali a dimostrazione di come, molto spesso, la società civile sia in grado, più della politica, di proporre forme nuove di partecipazione e di interazione con le istituzioni“.

Ettore Nardi, dell’Ordine degli Ingegneri, intervenendo a nome delle associazioni firmatarie, ha dichiarato che “l’Osservatorio è una struttura aperta a tutte le associazioni che intenderanno aderire e si pone come strumento di reale partecipazione dei giovani professionisti per disegnare un diverso futuro per Napoli e per il Mezzogiorno”.

Inoltre hanno sottoscritto il protocollo Lucio Falconio per l’Associazione dei giovani farmacisti, Apostolos Paipais per l’Associazione giovani ingegneri, Alfredo Serra per l’Associazione italiana giovani avvocati, Ludovico Capuano per l’Associazione italiana giovani notai. E ancora Aniello Tirelli per il dipartimento Politiche giovanili dell’Ordine degli architetti di Napoli, Ettore Nardi dell’Ordine degli ingegneri, Giuseppe D’Anna dell’Ordine dei giornalisti e Matteo De Lise per l’Unione dei commercialisti.

Lascia un commento