L’inchiesta è relativa alla variante al progetto per la realizzazione di piazza della Libertà a Salerno, ai tempi in cui Vincenzo De Luca era sindaco

Vincenzo De Luca Consiglio regionale CampaniaNapoli, 26 gennaio – Falso in atto pubblico. Questa la motivazione dell’avviso di garanzia notificato al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. I fatti contestati risalgono ai tempi in cui De Luca era sindaco di Salerno e si riferiscono all’inchiesta relativa alla una variante al progetto per la realizzazione di piazza della Libertà. Lo stesso provvedimento è stato emesso a carico di altre persone ed è stato notificato dai militari della Guardia di Finanza.

Oggi a Salerno si è celebrato il processo d’appello per la vicenda relativa alla nomina del project manager per la costruzione del termovalorizzatore, che ha visto De Luca condannato in primo grado. Il legale del presidente De Luca, l’avvocato Paolo Carbone ha chiesto la sua assoluzione perché il fatto non sussiste. Ricordiamo che la sentenza di primo grado determinò nei confronti di De Luca l’applicazione della legge Severino, poi sospesa dal tribunale in attesa del giudizio della Corte Costituzionale.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *