Dopo l’ennesima aggressione di una baby gang ai danni della linea notturna N8, l’Azienda Napoletana Mobilità ha deciso di sospendere il transito dei mezzi nel quartiere napoletano di Scampia

bus N8La decisionde dell’ANM: dopo le 21 la linea R5 e le linee notturne N5 e N8 non arriveranno più nei pressi del Metrò linea 1, il cui capolinea è al confine tra Scampia e Piscinola, ma, giunti all’incrocio di via Ghisleri, si dirigeranno verso il Quadrivio di Secondigliano, per poi tornare indietro.

Il presidente della Municipalità, l’avvocato Angelo Pisani commenta così la decisione dell’Azienda in un post su Facebook: “Faremo partire immediatamente una class action contro i vertici di Anm e contro questa scellerata decisione. Chi è incapace di garantire il servizio pubblico abbia la decenza di dimettersi”- ed ancora, sottolinea Pisani – la sospensione delle corse notturne sul territorio di Scampia è “una sconfitta dello Stato e la dimostrazione dell’incapacità da parte di questa amministrazione comunale”, una “cosa gravissima che tenteremo di impedire con ogni mezzo”, perché il “diritto alla mobilità, come quello alla sicurezza e alla salute , è un diritto sancito dalla legge e nessuno può permettersi di sospenderlo”.

Avevo chiesto il rafforzamento del servizio di sorveglianza a bordo degli autobus e il potenziamento del sistema di videosorveglianza – aggiunge Pisani – la decisione di sopprimere le corse a causa delle sassaiole è un alibi di questa amministrazione che non riesce a garantire un servizio regolare. È come se a seguito di una rapina una banca decidesse di chiudere i conti correnti dei risparmiatori”.

“A Scampia – sottolinea il presidente della municipalità – esiste una stragrande maggioranza di persone perbene, di studenti e di lavoratori, molti dei quali in possesso di un regolare abbonamento, che non possono essere penalizzati da pochi criminali e dalla cecità di una amministrazione che usa i territori solo come bacino elettorale”.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *