In Colombia 3 morti con rara sindrome nervosa. Le raccomandazione dei medici: evitare la folla e cercare di non condividere bicchieri o altri oggetti che entrano in contatto con la bocca

zanzara-zikaSecondo gli esperti il virus Zika potrebbe essere trasmesso anche attraverso saliva e urine. Gli scienziati brasiliani hanno trovato tracce del microrganismo trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti nei campioni dei due liquidi biologici prelevati da pazienti con questa infezione, e hanno ipotizzato un possibile contagio anche attraverso queste vie. Sospetto che deve essere ancora confermato da ulteriori test.

Cresce l’allarme per il possibile legame tra il virus Zika e la rara sindrome neurologica di Guillain-Barré, che provoca una progressiva paralisi agli arti iniziando da quelli inferiori. In Colombia, Alejandro Gaviria, ministro della Salute,  ha confermato la morte di 3 persone che erano state infettate da Zika e hanno sviluppato la patologia nervosa. Secondo quanto riferito dal responsabile della Sanità del Paese sudamericano, il secondo più colpito da Zika dopo il Brasile, esiste un “legame causale”tra il virus, la malattia di Guillain-Barré e i 3 decessi.

Le 3 morti sono state registrate nel dipartimento di Antioquia, 2 a Turbo e una a San Andres. Altri 6 decessi sono allo studio per un possibile legame con il virus Zika, ha dichiarato Martha Lucia Ospina -, “Abbiamo confermato e attribuito a Zika i 3 decessi”, ha affermato, sottolineando come le 3 morti siano state “precedute dalla sindrome di Guillain-Barré”, che è di rado fatale. “Altri casi di decessi collegati a Zika stanno emergendo il mondo sta realizzando che l’infezione può essere mortale.

Paulo Gavel, presidente dell’istituto pubblico di ricerca Ossa Crud Foundation, che ha dato l’annuncio della possibilità che le vie di trasmissione del virus siano saliva e urina ha dichiarato: “il significato di questa scoperta deve ancora deve essere chiarito. – Il fatto che ci sia un virus attivo in grado di infettare urine e saliva non significa automaticamente sia possibile contagiare altre persone attraverso queste due vie”.

L’allerta arriva in concomitanza con l’inizio delle sfilate del Carnevale brasiliano. Le autorità sanitarie nelle scorse ore avevano già espresso timori sulla possibilità che in questi giorni di festa i contatti ravvicinati possano espandere ulteriormente l’epidemia. Il ministero della Salute del Paese sudamericano ha aggiornato le sue raccomandazioni, chiedendo anche di non condividere oggetti di uno personale come spazzolini da denti e occhiali, e di lavarsi spesso le mani.

Gli specialisti della Oswaldo Cruz Foundation, istituzione scientifica brasiliana per lo sviluppo e la ricerca in campo biomedico, in merito all’ipotesi di contagio via saliva e urine, consigliano particolare attenzione alle donne incinte a causa della possibile correlazione tra il virus Zika e i casi di microcefalia nei bimbi nati da madri infettate in gravidanza. Le future mamme dovrebbero evitare la folla e cercare di non condividere bicchieri o altri oggetti che entrano in contatto con la bocca. Secondo il presidente della Fiocruz, Paulo Gadelha “le persone che hanno contatti con donne in gravidanza e mostrano sintomi di Zika hanno una responsabilità in più”.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *