Virus Zika: nove casi in Italia. L’Onu: “consentire l’aborto”

I casi sono stati importati dalle zone a rischio

virus zikaNove i casi in Italia di infezione da virus Zika. In tutti i casi il virus è stato portato nel nostro paese da viaggiatori ritornati dalle zone a rischio ma sono tutti guariti. L’ultima caso è di una persona di ritorno da un viaggio nella Repubblica Dominicana, curata all’Ospedale civile di Venezia. Le sue condizioni sono buone. All’istituto Spallanzani di Roma è stata ricoverata una persona.

Intanto dall’Onu è giunto l’appello per permettere alle donne di abortire e di accedere ai servizi di salute pubblica per evitare le nascite in un momento come questo in cui la trasmissione del virus può essere grave per i feti. Il rischio di microcefalia sembra infatti sempre più certo. L’ipotesi ha trovato il fermo no da parte dei vescovi brasiliani.

A preoccupare gli esperti è anche la possibilità di contagio attraverso rapporti sessuali, per tramite della saliva e delle urine. Leggi Zika, il contagio è possibile anche tramite saliva ed urine. Si teme per la diffusione del virus durante i festeggiamenti del Carnevale brasiliano

Lascia un commento

3 + 17 =