De Luca, il “despota di Salerno”. Il segretario regionale di Sinistra Ecologia e Libertà così commenta il provvedimento votato ieri dal Consiglio regionale della Campania: “Quello strano concetto di Democrazia, il Consiglio regionale della Campania cancella se stesso” (vai all’articolo)

Consiglio regionale CampaniaCon un solo provvedimento De Luca cancella il Consiglio Regionale. Sono prove tecniche di regime? Ieri è stata adottata una modifica statutaria che estende il voto di fiducia a tutte le norme che la giunta ritiene di valore strategico. Una vera e propria deriva autoritaria che, qualora dovesse passare anche in seconda lettura, renderebbe praticamente inutile votare per il rinnovo del Consiglio stesso”.

Lo ha dichiarato Tonino Scala, segretario regionale di Sinistra Ecologia e Libertà.

È un atto di una gravità inaudita – ha aggiunto – e meraviglia come la stessa maggioranza abbia eseguito l’ordine del despota di Salerno. SEL si augura che siano le opposizioni a fare il proprio mestiere, rispetto ad un atto che mina lo stato di diritto, svilisce le opposizioni e consegna l’attività legislativa nelle mani di un solo uomo al comando. Sarà il presidente, infatti, non solo a dettare l’agenda, ma a decidere come devono essere i provvedimenti; poiché l’apposizione della fiducia cancella gli emendamenti e di riflesso anche le opposizioni stesse“.

“La Regione e le istituzioni tutte – ha proseguito – meritano rispetto e non possono essere trattate in questo modo. Ma non si tratta ovviamente solo di questioni di maggioranza o opposizione. La vicenda è pericolosa anche da altri punti di vista: De Luca fa da apripista, seguirà la riforma Renzi-Boschi: stanno tornando i tempi bui? A nome di tutta SEL – ha concluso Scala – faccio quindi appello alle forze democratiche presenti dentro e fuori il Consiglio affinché questo atto vergognoso e ignobile non passi sotto silenzio”.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *