Al via #InnovaNapoli, hub attrattivo per innovatori campani

L’inaugurazione della “rete degli innovatori sociali” al Suor Orsola Benincasa

innovanapoliÈ online il primo hub attrattivo per gli innovatori campani, promosso su Twitter con l’hashtag #InnovaNapoli. Il 18 febbraio, a Napoli, presso Unisob in via Suor Orsola 10, dalle ore 14,30, Prioritalia, ItaliaCamp, Fondazione Brodolini, Università Suor Orsola Benincasa inaugureranno la “rete degli innovatori sociali” che diffonde sul web le esperienze positive di impresa sociale che si sviluppano sul territorio.

A testimoniare come l’evoluzione tecnologica e quella sociale stiano trasformando l’economia, il lavoro e la società sono i luoghi, la comunità, le idee e progetti che vengono messi in collegamento. Marcella Mallen presidente di Prioritalia spiega che – “La rete di innovatori sociali sul territorio campano è un modo per sostenere le realtà imprenditoriali responsabili e consentire la contaminazione di idee e valore. Stefano Cuzzilla, vicepresidente dell’associazione, aggiunge – “in questo processo i manager svolgono un ruolo propulsivo, favorendo l’affermazione di un modello economico che mette al centro la persona e che fa crescere il territorio”.

Dalla cooperativa agricola, il progetto di turismo responsabile recupera il patrimonio artistico abbandonato, attraverso  modelli di finanza innovativa, l’obiettivo è cambiare l’economia urbana coinvolgendo la cittadinanza. A discutere del contributo sull’autoimprenditorialià nata dal basso come può fornire un futuro alla città Lucio d’Alessandro (rettore Unisob), Marcella Mallen (presidente Prioritalia), Stefano Cuzzilla (presidente Federmanager).

Intervengono Roberto Montanari (Scienza Nuova-Unisob), Antonio De Napoli (ItaliaCamp), Antonio Dell’Atti (Fondazione Brodolini), Roberta Calvanese (Prioritalia), Vincenzio Linarello (Goel), Nicola De Toro (360open), Gianluca Minin (Galleria Borbonica), Susanna Moccia (Giovani Confindustria), Roberto Panzarani (autore di Humanity: la conquista sociale dell’impresa), Padre Antonio Loffredo (parroco Rione Sanità).

Lascia un commento