Rischio sismico nei Campi Flegrei. 1,5 Milioni di persone su di una pentola a pressione. E il piano di emergenza e di evacuazione?

Esperienza ci insegna che non è possibile prevedere, con largo margine, catastrofi come terremoti, eruzioni o tsunami. Un gruppo di studiosi internazionali, invece, sostiene il contrario, portando davanti alla Commissione Grandi Rischi documentazioni che di fatto prevedevano, mesi prima dell’accaduto, il sisma in Emilia. Fossero stati ascoltati prima forse avremo potuto avere qualche vittima in meno e qualche famiglia meno angosciata dalle loro perdite. Purtroppo tutto è già successo, indietro non si può tornare e nulla ci assicura che le medesime situazioni non si ripetano.

Tucidide, noto storico Ateniese, ci diceva di “Guardare al passato per capire il presente e prevedere il futuro”. Affermazione saggia che trova sicuramente riscontro in numerosi campi ma, che pare esser fatta apposta per questa situazione. Infatti, secondo alcune dichiarazioni di Alessandro Martelli, Direttore del centro ricerche Enea di Bologna, dopo l’Emilia il terrore potrebbe spostarsi verso il sud con un sismadi magnitudo di circa 7,5°. L’arco di tempo in cui quest’ ultimo dovrebbe aver luogo è ancora molto vago, “pochi mesi ad un anno, forse anche due” dice Martelli. Ancora più vago il luogo dove il sismapotrebbe colpire, “Sicilia e Calabria in particolare” dice, seppur il rischio resti comunque per tutto il sud Italia, dichiara al Corriere del Mezzogiorno.

Non dimentichiamoci che a Napoli abbiamo uno dei più potenti vulcani al mondo, il Vesuvio. Ma è davvero quello che dovrebbe farci temereper il peggio, oppure uno dei dieci supervulcani al mondo che si trova a 8 Km sottoterra, con una camera magmatica ampia forse 100 Km, e che trova identità nei “Campi Flegrei”? 1,5 Milioni di persone vivono al di sopra di questa vasta pentola a pressione, davvero troppe per garantir loro la giusta sicurezza.

Paure infondate? Secondo il Direttore dell’ osservatorio Vesuviano, Marcello Martini, in un’intervista rilasciata al Corriere del Mezzogiorno, le variabili sono tante ed essendo gli studi di Martelli basati su due algoritmi, che registrano terremoti minori e cercano di prevedere quelli di maggiore intensità, presentano non poche carenze tanto è vero che il metodo non è ancora stato approvato dalla comunità scientifica internazionale. Insomma definire la tempistica o il grado
di magnitudo è davvero difficile e per quanto riguarda il territorio campano “già sappiamo che il Sud è un’area ad alto rischio sismico” dice Martini.

Lascia un commento

4 × 3 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.