Trionfo del CAM al Criterium Interappenninico a Corno alla Scale. Il Challenge in palio al Mastermind ritorna alla squadra dello scienziato-sciatore. La Giordano vince il gigante. 7 podi regalano al CAM il secondo posto comitati

Andrea BallabioRoccaraso, 23 febbraio – Andrea Ballabio sbanca a Roccaraso. La sua squadra, della quale fanno parte anche Gianfredo Puca, Giuseppe Fiordiliso e Lucio Lamberti, ha conquistato il trofeo Italo Kühne, giubtoi alla quindicesima edizione, al termine del Circuito Mastermind disputato a Roccaraso.

Il team del SAI Napoli vince ancora il Challenge perpetuo, messo in palio da Diana e Fabrizio Kühne attraverso lo sci club 0.40 di Stefano Buccafusca, che già aveva conquistato nel 2014 con la stessa compagine. Mentre il Sai Napoli deteneva già in bacheca il trofeo vinto nel 2015 con un’altra squadra: Capuano, Polizzi, Santarelli e Acquaviva. Al secondo posto lo sci club 18 di Cortina (Valerio e Manuel Romano, Emanuele e Clemente Reale) e al terzo lo sci club Napoli (A. Scotti Galletta, M. Falco, M. Ferraro  e G. Raiola).

Ballabio, lo scienziato sciatore, ha messo a segno anche un altro successo confermando il titolo di campione regionale categoria Master, in slalom gigante. Lo stesso titolo è stato assegnato, nella categoria femminile a Giorgia della Morte dello sci club 0.40, che ha anche vinto il Trofeo Laureati Italiani, organizzato domenica dal SAI Napoli, mentre in campo maschile la vittoria è stata appannaggio di Alvise Zanardi dello sci club 18 di Cortina d’Ampezzo.

Successi anche a Corno alle Scale (BO) per il Comitato Campano che, grazie ai risultati dei suoi atleti, ha conquistato il secondo posto della graduatoria generale per comitati al Criterium Interappenninico. Per la prima volta il CAM ha superato la Toscana (CAT), sfiorando la vittoria che per pochissimi punti ha ottenuto il Comitato Emiliano (CAT). Sono otto i podi conquistati dai nostri atleti che sono stati premiati dal presidente della Federazione Italiana Sport Invernali, Flavio Roda che proprio a Corno alle Scale allenava Alberto Tomba.  Ed è stato proprio sulla pista intitolata al grande campione Olimpionico che Flavia Giordano, del Sai Napoli, ha conquistato l’unico oro della squadra del Comitato Campano, nel gigante categoria allievi. Sulla stessa pista, nella categoria ragazzi, le medaglie d’argento sono state vinte da Michelle Valentini, dello sci club Aremogna e da Francesco Costanzo del SAI Napoli, con un ottimo terzo posto di Stefano Pennino dello sci club Vesuvio.

Nella categoria ragazzi sono due gli argenti conquistati nello Slalom, da Stefano Pennino e da Michele Valentini, mentre Marta Ascanio, del SAI Napoli,  ha vinto la medaglia di bronzo. Sempre tra i pali stretti, podio solo nella categoria maschile degli allievi con Giangi di Paolo del SAI Napoli che si è aggiudicato la medaglia di bronzo. Peccato per la Giordano che ha sfiorato il podio per soli 5 centesimi di secondo. Il superG e lo SkiCross non si sono disputati per avverse condizioni meteo.

“Ringrazio i nostri atleti, gli allenatori e i rispettivi sci club per i risultati ottenuti in questo Interappenninico – ha dichiarato Agostino Felsani, presidente del CAM – Il secondo posto nella classifica dei comitati appenninici, non solo è un risultato storico, ma ci consente anche di allargare il contingente di partecipazione sia ai Campionati Italiani di categoria, sia al Trofeo Topolino. In questo modo abbiamo la possibilità di portare più atleti alle gare nazionali e internazionali. Inoltre, per la prima volta abbiamo ben 6 atleti nel primo gruppo di merito delle finali nazionali”.

Nella combinata si sono piazzati al secondo posto Flavia Giordano nella categoria allievi e Michelle Valentini e Stefano Pennino nella categoria ragazzi e al terzo Marta Ascanio.

>> Seguici su Facebook, vai alla nostra Pagina Fan e clicca Mi Piace <<

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *