Parte la rassegna “Con amor di libro”: libri, parole e musica

Inizia sabato 12 marzo “Con amor di libro – Libri, parole & musica”, la rassegna promossa dalla Libreria Colonnese (Via San Pietro a Majella, 32-33) nei mesi di marzo e aprile, nell’ambito del programma “Marzo Donna 2016. Je sto vicino a te – La Forza delle Donne tra Comunità e Territori” dell’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Napoli

libreria colonnese“Con amor di libro” è un viaggio attraverso la letteratura, la recitazione e la musica. Cinque incontri per cinque libri diversi – racconti, romanzi, aforismi – in cui la protagonista è sempre la donna: reading in cui si alternano autrici, giovani attrici e attori, cantanti e musicisti, che propongono ognuno la propria lettura artistica dei testi narrati.

SI PARTE SABATO 12 MARZO (ORE 18:00) con un classico dell’editore Colonnese: “La superiorità naturale della donna”, fortunata raccolta di brani ed aforismi letti dagli attori Gigliola De Feo ed Andrea Fiorillo, che hanno fondato a Napoli il laboratorio teatrale “La falegnameria dell’attore”. Colonna sonora della serata, le note dei “Gatos do Mar”, il duo formato dalla cantante Annalisa Madonna con l’arpista Gianluca Rovinello.

IL LIBRO – “La superiorità naturale della donna” è la raccolta curata dall’arguto editore Gaetano Colonnese, sotto lo pseudonimo di Giovanna Russelli: un collage di pensieri, massime, aforismi e scritti brevi dei più grandi intellettuali, letterati e pensatori, tutti d’accordo nel conferire alle donne quel di più che manca agli uomini. Pagine in cui si parla d’amore con Chateaubriand, Neera e Montagu; di “Natura e istinto” con Hugo, Mirabeau e Humboldt; di “Inferiorità dell’uomo” e “Superiorità della donna” con Pédalan, Agrippa e Voltaire; non senza arguti e irriverenti aforismi.

GLI ATTORI – Gigliola De Feo, diploma all’Accademia “Professione Cinema” di Roma di Giulio Scarpati (di cui è stata anche assistente), ha insegnato presso la “Scuola di Cinema” di Napoli, nonché come esperta di teatro presso diverse scuole. Interprete di cinema (“Cosí x caso”, “The warrior of light”), teatro (“Quando tutte le donne del mondo…”, “Piccoli crimini”) e TV (“Chiambretti c’è”, “Un posto al sole”, “7 vite”), premiata al 56° “Festival internazionale del Cinema di Salerno” e al “Festival dello Spettacolo di Sorrento”, è autrice e interprete della pièce “Simone che credeva nelle donne”, storia della scrittrice Simone de Beauvoir (regia di Andrea Fiorillo). Andrea Fiorillo, formatosi presso il Teatro Sancarluccio di Napoli con Bianca Mastrominico e Pina Cipriani, entrato in compagnia come attore professionista, ha lavorato con Julia Varley dell’ Odin Teatret (Teatro Mercadante di Napoli), ha preso parte alla “Mobile Academy” a Berlino diretta di Chen Shi Zheng, Qian Yi e Jossi Wieler, ed ha studiato Commedia dell’Arte con Ferruccio Soleri. È interprete di cinema (“Cosí x caso”, “Price for Freedom”, “Masaniello, amore e libertà”, “L’Ultimo Pulcinella”), teatro (“The tempest”, “Merisi”) e TV (“Un posto al sole”, “Distretto di polizia”, “Luisa SanFelice”).

LA MUSICA – “Gatos do mar” è il duo formato dalla cantante Annalisa Madonna accompagnata dall’eclettica arpa di Gianluca Rovinello, che su una zattera attraversano l’oceano tra jazz e folk, bossa e fado. “La zattera” è proprio il titolo del loro primo album, che raccoglie le esperienze maturate nei live, con elegante ironia, con una voglia di divertire e divertirsi. Dai ritmi latini al blues, dalla tradizione popolare italiana al jazz statunitense, la “zattera” viaggia e porta con se le sue storie: serie e profonde, come il “Salamastra”, o la napoletana “Ciore”, dedicata alla tenacia e la forza della ginestra; altre ironiche, come “Gioca con me”, “Canterò” e l’esilarante e originale “1,93cm blues”.

GLI ALTRI APPUNTAMENTI (19 marzo; 2, 9, e 16 aprile) – Sabato 19 marzo (ore 18:00) è la volta di Rosaria Rizzo con “Immobili ombre” (Homo Scrivens). Propone brani dal romanzo – storia del lento e faticoso ricongiungimento di due donne separate dal tempo – l’attrice (e visual- designer) Marialuisa Firpo; cantano Carmela Di Costanzo e Ciro Raciti accompagnati dalla chitarra di Lucio Maglio, del gruppo di musica, tradizioni e teatro popolare napoletano-campano Gli Antichi Cantori. Il 2 aprile (ore 18:00) Carmen Pellegrino presenta il suo Cade la terra (Giunti) – delicato romanzo di luoghi abbandonati e di un’ostinata donna pronta a raccoglierne le storie – con le letture dell’attore Paquito Catanzaro e le musiche (chitarra e voce) di Lino Blandizzi, cantautore sempre attento alla sua Napoli. Sabato 9 aprile (18:00) si parla invece di un bestseller dell’800, edito da Colonnese: l’intrigante e scandalosa Cronaca del Convento di Sant’Arcangelo a Baiano, attribuita a Stendhal, ricca di episodi erotici e grotteschi. Alle letture dell’attrice Cinzia Cordella si intervallano le musiche degli Antichi Cantori: le voci di Carmela di Costanzo e Ciro Raciti, e la chitarra di Lucio Maglio. Ultimo appuntamento sabato 16 aprile (ore 18:00) con La donna immaginaria (Kairos) di Maria Rosaria Selo, variegata raccolta di racconti: impossibili o improbabili, o più semplicemente racconti di donne dai crudi toni neorealistici. Letture delle attrici Anna e Clara Bocchino. Musiche della flautista Serena Calcagno e del maestro Nicola Rando al sax.

Lascia un commento