Napoli protagonista all’Antica Olimpia per l’accensione della Fiaccola per i Giochi di Rio 2016

Isolimpia crea un ponte tra l’antica iscrizione dei Sebastà Partenopei, conservata nella città ellenica patria delle Olimpiadi, e lo Stadio dei Giochi Isolimpici, riscoperto a piazza Nicola Amore, nell’area della nuova stazione Duomo della linea 1 del Metrò

IsolimpiaSarà Napoli tra le città protagoniste, giovedì 21 aprile, nel tradizionale scenario di Olimpia, della riaccensione della torcia olimpica che giungerà venerdì 5 agosto allo stadio Maracanà di Rio de Janeiro, per la cerimonia inaugurale dei Giochi della XXXI Olimpiade.

Il legame, molto forte, tra l’Antica Olimpia e Napoli, rafforzato dal gemellaggio e dal Giuramento d’Amicizia siglato dai due sindaci Efthimios Kotzas e Luigi de Magistris, è testimoniato dalla presenza, fin dal 2 d.C., degli Italikà Romaia Sebastà Isolympia, svoltisi almeno fino alla seconda metà del III secolo d.C. talvolta con la presenza o la partecipazione degli stessi imperatori. Napoli ebbe, unica città d’occidente, il privilegio di celebrare i giochi italici in onore di Roma e di Augusto, pari per la quinquennalità di giochi olimpici e detti perciò isolimpici. “E quel privilegio – scriveva il famoso archeologo Amedeo Maiuri – non era tanto dovuto a personale predilezione dell’imperatore o a ragioni di opportunità politica, quanto piuttosto alla sua intatta grecità: nel generale decadimento dell’ellenismo della Magna Grecia e della Sicilia, Neapolis, ancora greca di lingua, di istituzioni, di culti e di costume di vita, poteva essere considerata, nella prima età dell’impero, la metropoli dell’ellenismo d’occidente”.

Napoli, per affrontare l’impegno dei Sebastà, istituiti in onore di Augusto come ringrazia-mento per aver aiutato la città sconvolta da un terremoto, si dotò di tutti gli impianti necessari per lo svolgimento delle gare, come testimonia il grande complesso – uno dei pochi stadi rinvenuti in Italia – portato alla luce nel 2003 durante gli scavi per la costruzione della stazione Duomo della metropolitana in piazza Nicola Amore, riconosciuto, per le iscrizioni ritrovate, come “Il complesso monumentale dei Giochi Isolimpici”. La parete di fondo era rivestita da una serie di lastre di marmo – alcune conservate quasi integralmente, altre in frammenti – che portavano impressi lunghi elenchi dei vincitori degli Italikà Rhomaia Sebastà Isolympia. Dal momento che il muro chiude la struttura sul lato mare e che le colonne si affacciano sul versante opposto, è ipotizzabile che tra il portico e il tempio corresse una pista rettilinea per i “Ludica”, l’atletica, che coinciderebbe con parte dell’attuale corso Umberto.

“A tali Giochi – spiega Fiammetta Miele, presidente di Amartea, che dal 2013 ha fatto rinascere i Giochi Isolimpici Partenopei – partecipavano due distinte categorie: i giovani e i professionisti, che giungevano da ogni parte del mondo allora conosciuto, data la grande rinomanza dell’evento. Vi sono inoltre attestazioni anche della partecipazione femminile alle gare”. Tra le discipline praticate vi erano l’ippica, l’atletica, il pugilato e le varie forme di lotta, il pentathlon e diverse gare circensi di atleti sui cavalli.

Significativa, pertanto, la presenza di una delegazione napoletana, guidata da Isolimpia – che anche per il 2016 è stata scelta dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri fra le iniziative leader in Italia per la Seconda Settimana Europea dello Sport e la campagna #BEACTIVE – con una cerimonia prima della partenza della fiaccola alla volta di Rio, e la consegna all’Antica Olimpia della Torcia Isolimpica, quale omaggio dei Giochi isolimpici ai suoi più illustri predecessori.

In tale occasione sarà evidenziata la presenza, nel Sacrario di Olimpia, dell’originale regolamento dei Giochi Isolimpici, donato dagli imperatori romani nel 28 d.C. alla patria dei Giochi Olimpici, che, riemersa negli scavi archeologici di fine ‘800, rappresenta la preziosissima testimonianza del collegamento diretto tra le due manifestazioni sportive.

L’evento sarà testimoniato da uno speciale video, che sarà distribuito sui canali nazionali e in rete, con il racconto del ruolo di Napoli, anche attraverso Isolimpia e di testimonial istituzionali e sportivi, nello sviluppo dello sport nel mondo.

Con questa presenza in un’occasione unica per lo sport mondiale, Isolimpia vede crescere pertanto il suo prestigio oltre i confini italiani: non a caso, per il 2016, sarà l’unico evento nel Mezzogiorno e uno dei quattro in Italia ad ospitare la Settimana Europea dello Sport, con partner di prestigio quali Panathlon International e il Comitato Italiano Pierre de Coubertin.

Lascia un commento