Bagnoli, i movimenti verso la mobilitazione. L’assessore Piscopo: occorre “andare per difendere la città, difendere i diritti della città, paralizzare se è possibile la Cabina di regia”

I movimenti si mobilitano per l’arrivo in città, il 6 aprile, del Premier Renzi in occasione della Cabina di regia su Bagnoli da tenersi in Prefettura

Carmine PiscopoNapoli, 30 marzo – L’intento era quello di organizzare una grande festa popolare per il “1° Maggio di lotta”, ma le dichiarazioni incrociate, prima del premier Renzi nella sua enews di sabato santo, e la replica puntuale con video messaggio del sindaco de Magistris, hanno determinato una variazione sul tema ed anche un’accelerata sull’organizzazione da parte dei movimenti che contestano il commissariamento dell’area ex Italsider di Bagnoli.

Non solo Primo Maggio a Bagnoli ma anche una “calorosa accoglienza” da riservare al presidente del Consiglio che ha annunciato la sua presenza a Napoli, alla Cabina di regia su Bagnoli in Prefettura, prevista per il 6 aprile prossimo. La convocazione è del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti che non ha fatto mancare il suo commento al video messaggio del sindaco: “Basta con le pagliacciate – ha chiosato il sottosegretario – il sindaco si decida a partecipare alla cabina di regia”. “Noi andiamo avanti comunque perché lavoriamo nell’interesse dei cittadini”.

Con l’evento Facebook dal nome evocativo “Renzi, forse non hai capito: #StattaCasa!”, il comitato che racchiude le realtà movimentistiche di Bagnoli e i movimenti del centro storico di Napoli si sono dati appuntamento questo pomeriggio a Villa Medusa, per organizzare il comitato di “benvenuto” in città al Premier. Probabilmente in quella occasione si terrà prima un’assemblea nella Galleria Umberto I, vicino la Prefettura, luogo d’incontro della Cabina di regia dove è prevista la presenza di Renzi. Di sicuro non mancheranno le contestazioni all’indirizzo di chi ha voluto fortemente il commissariamento dell’area industriale di Bagnoli, spogliando il Comune delle competenze in materia urbanistica e di sviluppo territoriale.

In assemblea è intervenuto anche l’assessore Carmine Piscopo per annunciare che alla Cabina di regia, prevista per il 6 aprile, occorre “andare per difendere la città, difendere i diritti della città, paralizzare se è possibile la Cabina di regia, riportare quali sono le posizioni dell’Amministrazione a tutela della cittadinanza“.

“Non possiamo permetterci – continua Piscopo – una situazione nella quale viene il presidente del Consiglio e l’Amministrazione non c’è e diventa che ‘è tutto a posto’. Cioè che si celebra un’approvazione di un piano senza un’Amministrazione, senza qualcuno che metta a verbale delle cose, senza qualcuno che faccia da contrasto ad un’azione di tale violenza Istituzionale”.

Serve una risposta molto forte con una delegazione a nostro avviso molto forte – continua l’assessore Piscopo -, quindi con i nostri costituzionalisti, i nostri giuristi, l’avvocatura, gli assessori interessati all’ambiente e all’urbanistica, il sindaco e così via, perchè lì occorre fare da blocco e chiedere che tutto quello di cui si discute all’interno di quella stanzadove a detta del sindaco si sente un puzzo di compromesso morale – debba essere trasmesso all’esterno e comunicato alla città attraverso registrazioni audiovisive.”

Lascia un commento