Sullo scaffale: “Il Sindaco in fuga o della buona politica” di Ermanno Corsi, presentazione con Vittorio Del Tufo

Con prefazione di Piero Antonio Toma, pubblicato dalla Compagnia dei Trovatori. Il libro verrà presentato martedì 5 aprile 2016 (ore 18) nella libreria Vitanova (viale Gramsci 19, Napoli)

Ermanno-CorsiInterverranno Raffaele Cananzi avvocato generale dello Stato, Vittorio Del Tufo caporedattore de “Il Mattino” e Massimo Milone direttore di Rai-Vaticano.

Il tempo di questo libro-favola: quello di una città-metropoli fuori controllo con fenomeni sconvolgenti di cielo,terra e mare. Ogni giorno proteste. Folti gruppi di dimostranti esasperati invadono il Palazzo del potere e mettono sindaco e assessori con le facce contro  il muro: non per fucilarli alla schiena, ma per non vedere più i loro volti.  Comune sciolto, nuove elezioni. Fulvio De Angelis è mediatore sociale di cultura giuridico-umanistica, un intellettuale di prestigio. In un dormiveglia gli sembra di “vedere” l’integerrimo Catone l’uticense che,nel viaggio da Cartagine a Roma,si ferma per un po’ di giorni in città e incontra gli industriali,in particolare i costruttori edili. I suoi giudizi sono schioccanti.

Il Partito Unico sceglie il candidato a Sindaco. Il Potente Segretario chiama Fulvio De Angelis (“vogliamo aprirci alla società civile,tu sei la nostra bandiera e carta vincente”). Appena si diffonde la voce,il candidato (ma Sindaco in pectore con certezza assoluta di essere eletto) viene assediato da richieste e proposte indecenti. Poi ascolta il programma del Potente Segretario (grandi opere pubbliche a tempo di record:”Il mattone salverà la città”; Grattacielo di cento piani nella “piazza grande”; via Lattea asfaltata per snellire il traffico; col turismo subito 2 milioni di nuovi posti di lavoro).

Prima di sottoscrivere la candidatura, De Angelis si consulta con l’amico fraterno Antonio Del Piero che, da sindacalista e assessore comunale,aveva svolto ruoli importanti. Vuole sapere da lui perché,a un certo punto,aveva deciso di mollare tutto (non aveva resistito all’assedio di politicanti e faccendieri). Sconcertato per le ragioni, anche De Angelis pensa di fermarsi con la candidatura. Poi, però, lo prende il sartriano dovere di “sporcarsi le mani” e di verificare fino in fondo le intenzioni del Partito unico e del potente Segretario. A loro espone,con un audace e grottesco controcanto, il modo con cui intende agire e l’organigramma che ha in testa: una provocazione “intollerabile” che “scandalizza” tutto il “cerchio magico” di quegli spregiudicati affaristi.

Quando,dopo pochi giorni, ritorna per conoscere ufficialmente reazioni e decisioni,non trova più nemmeno il Palazzo dove il Partito si era pervicacemente insediato da anni. Scomparso del tutto. Mentre se ne torna a casa,sotto forma di gigantesca massa caliginosa il Palazzo che si era “nebulizzato” in seguito alle sue “indecenti” proposte,tenta di ingoiarlo per vendetta. Ma lui, accelerando senza perdersi d’animo,riesce a salvarsi.  La sua “fuga” è la sua vittoria. Il Palazzo e il “cerchio magico”, simbolo della spregiudicatezza più spinta, sono stati spazzati via. Sconfiggere la malapolitica è stato possibile e si potrà ancora.

Lascia un commento

otto − 4 =

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.